www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

Lo sponsor Polartec ospiterà in Arizona 14 corridori della Continentale e della U-23

 

wx2S0A2976.jpg

 

 

Comunicato stampa della Fundación Contador Team

 

 

Polartec, primo sponsor delle squadra della Fondazione Alberto Contador, ospiterà, a partire da mercoledì e per una settimana, 14 corridori e un gran parte dello staff tecnico, guidati da Alberto Contador e Ivan Basso. Questo ritiro si svolgerà a Tucson (Arizona), approfittando del bel tempo di questo stato americano e degli ottimi percorsi che i ciclisti della squadra saranno in grado di fare. 

I corridori che viaggeranno in Arizona sono Alejandro Ropero, Jorge Pastor, Daniel Viegas, Sergio Hernández, Juan Pedro López, Daniele Cantoni, Hugo Sampedro, Joan Martí Bennassar, Sergio García e Carlos García (squadra U-23), più Isaac Cantón, Juan Camacho, Diego Pablo Sevilla e Miguel Ángel Ballesteros, i quattro spagnoli della nuova squadra Continentale.

Per tutti, oltre al personale tecnico della Fondazione Contador e ai media invitati, è stata ideata una serie di percorsi per testare i nuovi modelli di tessuti e vestiti Polartec per la prossima stagione. 

In totale sono previste quattro uscite in bici, per un totale di 435 chilometri e un dislivello positivo di 5000 metri, che contribuiranno al lavoro di preparazione invernale dei corridori e saranno sicuramente in grado di testare la forma fisica di quelli che si iscriveranno  ad ogni tappa, soprattutto l’ultima, con la salita sul monte Lemmon, a 2880 metri sul livello del mare. 

Fran Contador, manager generale della Fondazione Alberto Contador, spera che questo viaggio in Arizona ponga le basi per una stagione 2018 di successo. "L’invito di Polartec in Arizona è un ottimo punto di partenza per la prossima stagione. Sarà un’esperienza indimenticabile per tutti e un’opportunità per unire le forze e prepararsi nelle migliori condizioni possibili per il 2018. Polartec dimostra ancora una volta il suo impegno nel progetto della Fondazione Contador, con la quale continuerà a sviluppare indumenti tecnici di altissima qualità per i prossimi tre anni". 

 

 

 

@IBdailyblog


13/11/2017
0 Poster un commentaire

La Polartec-Kometa Continentale sarà composta da 11 corridori

RGC 4.jpeg

 

 

Comunicato stampa della Fundación Contador Team

 

 

La nuova squadra Continentale della Fondazione Alberto Contador ha scelto i suoi corridori : saranno 11, di cui 9 hanno partecipato ad un primo ritiro la settimana scorsa al Centro Mapei Sport, che sarà responsabile della preparazione dei ciclisti. 

 

La squadra Polartec-Kometa, guidata dagli ex professionisti Jesús Hernandez e Dario Andriotto, sarà composta da Michele Gazzoli e Matteo Moschetti (Italia), Patrick Gamper (Austria), Michel Ries (Lussemburgo), Awet Habtom (Eritrea), Willen Inkelaar (Olanda), Wilson Estiben Peña (Colombia), Diego Pablo Sevilla, Juan Camacho, Isaac Cantón y Miguel Ángel Ballesteros (Spagna). La squadra Continentale si unirà la prossima stagione alle squadre Polartec-Kometa U-23 e junior, così  la Fondazione Alberto Contador avrà un totale di 38 corridori, tra cui l’ultimo aggiunto alla squadra U-23 : Giuliano Kamberaj (Albania), già testato dalla squadra alla fine di questa stagione. 

I corridori hanno avuto l’opportunità la settimana scorsa di entrare in contatto con chi si occuperà della loro preparazione fisica e del monitoraggio medico durante tutto l’anno, eseguendo in Italia le prime prove di sforzo e i relativi controlli biomeccanici per iniziare la stagione in perfetta condizione. Ivan Basso, in qualità da manager della squadra, è stato incaricato di supervisionare tutto il lavoro svolto. "È stato un incontro molto importante, perché è stata la prima volta che la squadra si è riunita per effettuare test fisici e di performance, per conoscere il sistema di lavoro che avremo durante tutta la stagione e per ricevere le prime sessioni di allenamento personalizzate. Sono molto soddisfatto del lavoro svolto in questi giorni". 

Per i corridori che formeranno la squadra Polartec-Kometa, Basso ha detto che "ogni corridore che è nella squadra è perché offre un grande margine di miglioramento sportivo e ci fidiamo di lui. Abbiamo undici corridori, ma non escludiamo di includere l’ennesimo ciclista, seguiamo già da vicino i ciclisti integrati nella Fondazione Contador e altri al di fuori di essa. Il nostro prossimo appuntamento sarà in Arizona, dove alcuni corridori della Continentale viaggeranno insieme a quelli della U-23. Questo ritiro ci offre un’opportunità eccezionale per continuare a costruire il progetto globale della Fondazione Contador, che nel 2018 siamo certi farà un grade passo avanti". 

 

 

 

@IBdailyblog


13/11/2017
0 Poster un commentaire

Polartec-Kometa, l’avventura è iniziata

PKPR.jpg

 

 

Articolo di Alberto Coriele, La Provincia di Varese

 

 

La "cantera" della Trek-Segafredo oggi al Centro Mapei. Al campionissimo il riconoscimento dall’Associazione Nazionale Vittime della Strada.

 

È iniziata finalmente nella serata di ieri l’avventura della Polartec-Kometa, formazione Continental che esordirà quest’anno nel panorama dei professionisti, come "cantera" della Trek-Segafredo.

Ieri i corridori, compresi i due italiani Michele Gazzoli e Matteo Moschetti, si sono ritrovati in serata al Golf Club Le Robinie di Solbiate Olona per quello che è il primo punto d’incontro di questa nuova esperienza.

Il programma prevede che oggi la squadra, a partire dalle 9 circa, effettuerà un’intera giornata di test al Centro Mapei di Olgiate Olona, con cui la Polartec-Kometa collaborerà per tutta la stagione seguendo ciò che fa già il team principale, ossia la Trek-Segafredo. Domani invece la squadra resterà in hotel per quella che dovrebbe essere una giornata di incontri e di riunioni.

Il primo vero ritiro, con allenamenti in bicicletta e preparazione fisica in vista della prossima stagione, è previsto per la metà di dicembre (dal 10 in poi) nel sud della Spagna, mentre con la fine dell’inverno entrerà in scena anche Bormio (quartier generale della Kometa e della famiglia Pedranzini) per i ritiri intra-stagionali in altura.

Non sarà presente in questi giorni Alberto Contador, che insieme a Ivan Basso è il padre fondatore di questa nuova formazione.

Ieri lo stesso Ivan Basso è stato invece premiato all’Eicma di Milano dall’Associazione Nazionale Vittime della Strada per il suo operato in termini di prevenzione, grazie alla campagna #usalabiciclettainsicurezza. 

 

 

Video test Centro Mapei : 

 

 

 

 

 

 

 

@IBdailyblog


09/11/2017
0 Poster un commentaire

Polartec-Kometa, si parte. La squadra di Ivan Basso oggi al Centro Mapei

IMG-20171103-WA0001.jpg

 

Articolo La Provincia di Varese

 

 

L’avventura di Ivan Basso e di Alberto Contador si apre tra Castellanza e Solbiate Olona

 

Inizia oggi al Mapei Center di Castellanza la grande avventura della Polartec-Kometa, formazione Continental nata per volere di Ivan Basso e di Alberto Contador.

La formazione, che eredita una parte dell’organico dalla Fundaciòn Contador Sub-23, si ritroverà questa mattina per dar inizio a tre giorni di test e di intenso lavoro : la spola sarà tra il Golf Club Le Robinie di Solbiate Olona, dove la squadra alloggerà, e appunto il Centro Mapei, dove i corridori si sottoporranno a diverse tipologie di test.

Sarà presente Ivan Basso, in qualità di team manager ma anche di padrone di casa, mentre non ci sarà Alberto Contador, che sarà però ben rappresentato all’interno del team pur senza ricoprire alcun incarico nell’area tecnica. Suo fratello Fran è infatti il responsabile amministrativo, il fedele compagno di anni di carriera Jesus Hernandez sarà direttore sportivo, ma ci sarà anche lo storico meccanico Faustino Munoz e l’addetto stampa Jacinto Vidarte.

Nella rosa di corridori della Polartec-Kometa anche il campione europeo juniores su strada Michele Gazzoli, bronzo iridato a Bergen, ed il campione italiano Under 23 Matteo Moschetti.

 

 

 

@IBdailyblog


08/11/2017
0 Poster un commentaire

La campagna #usalabiciclettainsicurezza sarà premiata all'Eicma

BD 5.jpg

 

Articolo Aldo Macchi, La Prealpina

 

 

Nuovo riconoscimento al campione. Incontrerà gli studenti. 

 

La campagna tutta Gallaratese #usalabiciclettainsicurezza continua a fare incetta di premi a livello nazionale. Dopo il riconoscimento dell’importanza e della validità del progetto scritto a due mani dall’assessore alla Sicurezza, Francesca Caruso e il campione di ciclismo, Ivan Basso, da parte dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci), un altro plauso arriva direttamente dall’Eicma (Esposizione internazionale ciclo e motociclo) dove, Basso, ritirerà il premio dell’Associazione Nazionale Vittime della Strada, per l’impegno dimostrato in campo di prevenzione. "Non possiamo che andare avanti convinti che stiamo facendo un buon lavoro", dichiara l’assessore Francesca Caruso.

Tra i risultati che rendono onore alle nostre iniziative, non possiamo non ricordare I dati relative all’Operazione Smart, dello scorso 30 settembre, che ha visto Gallarate, tra i comuni lombardi coinvolti, fornire i numeri più alti per personale utilizzato e controlli effettuati.  Sulle strade sono stati posizionati cartelli con i dieci consigli di prevenzione della campagna e ora, il prossimo passo, sarà una lezione con le scuole elementari : "Il 22 novembre, al teatro Condominio, abbiamo invitato tutti gli studenti delle quinte elementari degli istituti cittadini per una lezione con Ivan Basso nei panni di insegnante d’eccezione. Per l’occasione verrà offerto nuovo materiale audiovisivo". Tutto per rendere più incisivo un messaggio che vuole arrivare forte e chiaro soprattutto ai più giovani : in strada serve attenzione. La scelta di puntare agli alunni di quinta elementare non è causale. Sono loro il target più sensibile individuato dagli esperti. Abbastanza grandi per andare in giro in bicicletta da soli, non troppo grandi per riuscire a correggere alcuni loro atteggiamenti eccessivamente spensierati. La campagna di sicurezza e prevenzione andrà avanti per un anno.

È presto per capire se gli effetti  daranno i risultati sperati, quel che è certo è che, da un primo bilancio, sulla carta, la strada sembra quella giusta.

 

 

 

@IBdailyblog


07/11/2017
0 Poster un commentaire

Pedala per un Sorriso, Roma vi aspetta

PS.jpg

 

 

Articolo TuttobiciWeb

 

 

"Pedala per un Sorriso" è alla quarta edizione : si svolgerà a Roma domenica 12 novembre prossimo.

Ci sono almeno tre validi motivi per partecipare :
1.   Finanziare l’associazione Marina Romoli Onlus per la ricerca sulle lesioni al midollo spinale.
2.   Sostenere l’iniziativa di Arcobaleno della Speranza Onlus nella lotta contro la leucemia.
3.    Costituire un fondo di finanziamento per le Squadre Ciclistiche Giovanili.
 
Sarà una pedalata non competitiva nel centro di Roma : si viaggerà tutti assieme a una velocità media di 20-25 chilometri orari, il percorso sarà interamente chiuso al traffico, protetto dalle pattuglie della Polizia Locale di Roma Capitale. Tra i luoghi più suggestivi : Catacombe di San Callisto, l’Appia Antica, il Colosseo, Piazza Navona e Villa Borghese. L’appuntamento è presso l’Università Europea di Roma, via degli Aldobrandeschi 190. Il ritiro dei numeri e del pacchetto gara è possibile sabato 11 dalle 16.30 alle 19.3 e la domenica 12 dalle 7.30 alle 9.30 presentando un documento d’identità valido. Partenza ore 10; arrivo previsto e pranzo ore 13. Estrazioni premi di beneficenza e premiazioni ore 14. Ci si può iscrivere online oppure in uno dei negozi convenzionati romani indicati sul sito internet : Cicli Bortolotto, Cicli Castellaccio, Cicli Fatato, Cicli Liberati, Cycle’n’Cycle, Cicli Lazzaretti, Monkey Cycles. Dato che la manifestazione è a scopo benefico, ci sono soltanto quote minime di partecipazione, il pranzo sarà gratis per i bambini fino a 13 anni.

Oltre a Ivan Basso (socio dell’associazione insieme con il direttore sportivo Stefano Zanatta) hanno dato l’adesione e parteciperanno alla pedalata : i professionisti Valerio Agnoli, Giulio Ciccone, Luca Sterbini; Leonardo Giordani campione del mondo Under 23 nel 1999 e Marta Bastianelli campionessa del mondo a Stoccarda 2007 oggi mamma di una bambina. Altri importanti ex professionisti : Bruno Centomo, Roberto De Patre (marito di Marta Bastianelli), Alessandro e Umberto Proni, Roberto Petito, Luigi Sgarbozza. Ci saranno anche Omar Di Felice, specialista dell’Ultracycling (ciclismo dalle lunghe distanze) e Marina Romoli, vice campionessa del mondo su strada tra le juniores nel 2006. Nel 2010 un incidente durante un allenamento e le ha fatto perdere l’uso delle gambe costringendola su una sedia a rotelle (da lì ha fondato l’associazione Marina Romoli Onlus per la ricerca sulle lesioni del midollo spinale).
Per ogni informazione e curiosità : www.pedalaperunsorriso.org.
 
LA FRASE – Ivan Basso : "Pedala per un Sorriso è molto di più di una pedalata : è una giornata speciale dove si fa qualcosa per qualcuno che ha veramente bisogno. Pedaleremo per chi è meno fortunato di noi. Pedaleremo con il nostro sorriso, perché diventi il sorriso di tanti".

L’invito della Pedala Per Un Sorriso Onlus è sempre lo stesso : pedalate per un sorriso, pedalate con il sorriso !!!! 

 

 

 

@IBdailyblog


05/11/2017
0 Poster un commentaire

Ecco il progetto e la maglia della Polartec-Kometa

DNzVR_YW0AESBy2.jpg

 

 

Comunicato stampa della Fundación Contador Team

 

 

La fondazione Alberto Contador sarà responsabile della gestione del nuovo team di sviluppo della Trek-Segafredo, una squadra continentale che sarà sponsorizzata da Polartec e Kometa.

 

Alberto Contador, creatore della Fondazione che porta il suo nome, si unisce al suo ex-collega e amico Ivan Basso, che sarà il team manager del progetto, mentre Fran Contador assumerà la gestione amministrativa. Trek-Segafredo ha fatto tesoro dell’esperienza accumulata nelle ultime cinque stagioni dalla Fondazione Alberto Contador nella gestione delle sue squadre junior e -23, e anche della scuola per i più giovani, per fare un ulteriore passo avanti nella formazione dei giovani ciclisti durante la loro prima tappa professionale. La nuova squadra aspira ad offrire un’opportunità di formazione professionale ai giovani della Fondazione Contador e delle altre scuole europee e mondiali, dando continuità al lavoro già iniziato dalla Trek-Segafredo e di cui Ivan Basso è stato il responsabile principale in questa stagione. Gli sponsor, la società americana Polartec e l’italiana Kometa, che sono anche membri della Fondazione Alberto Contador, hanno firmato un impegno triennale che garantisce la stabilità del progetto. La squadra avrà le bici e il supporto technico di Trek Factory Racing, e sarà la squadra dove matureranno i futuri ciclisti della Trek-Segafredo.  Avrà la sua base operativa a Pinto (Madrid), nella stessa sede delle altre squadre della Fondazione Alberto Contador, ma con un forte legame con la Valtellina in Italia, in particolare con la città di Bormio, dove la squadra farà i suoi ritiri in diversi periodi della stagione. 

 

POLARTEC è il creatore e il fabbricante dei tessuti di alto rendimento più avanzati oggi disponibili e propone una collezione di oltre 300 tessuti differenti. 

 

KOMETA è un’azienda alimentare che opera in diversi mercati internazionali e si impegna nella produzione di alimenti gustosi e sani, venduti ai consumatori ad un prezzo accessibile.  

 

Ivan Basso : "Questa squadra è la realizzazione di un sogno professionale che Alberto ed io abbiamo maturato a lungo, dopo aver condiviso molte esperienze come ciclisti e amici. Volevamo creare qualcosa insieme e sono felice ed orgoglioso di averlo realizzato grazie al supporto di Trek-Segafredo, che per un anno mi ha dato la responsabilità di seguire i giovani talenti legati alla sua squadra. Il nostro obiettivo principale è di continuare a lavorare con i giovani, un ideale che ci ha uniti a Trek-Segafredo, Polartec e Kometa in questa avventura". 

 

Alberto Contador : "Quello che ci ha unito io ed Ivan in questo progetto è l’illusione di restituire al ciclismo un po’ di tutto quello che ci ha dato. Siamo convinti che unendo le forze possiamo fare molto per aiutare i giovani a raggiungere i professionisti. Grazie a Polartec e Kometa, insieme al fondamentale sostegno di Trek-Segafredo, in cui mi sento a casa, la Fondazione Contador, diretta da mio fratello Fran, compie un importante passo avanti e aggiunge una squadra continentale alla Scuola e alle squadre junior e -23, che continuerà a formare i giovani corridori nei valori incarnati del ciclismo : lavoro di squadra, solidarietà, costanza e sacrificio".

 

Luca Guercilena : "Per Trek-Segafredo investire nei giovani non è solo una necessità, ma anche un impegno etico per il futuro del ciclismo. Dopo un anno di lavoro con Alberto, abbiamo una grande fiducia nella sua Fondazione per il lavoro che stanno facendo con i giovani e per questo gli abbiamo offerto la gestione di questo grande progetto. Come squadra professionale, il nostro obiettivo è cercare e sviluppare i migliori talenti e crediamo che con la Fondazione Alberto Contador abbiamo trovato il modo migliore per farlo". 

 

 

 

@IBdailyblog


04/11/2017
0 Poster un commentaire