www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

69° Coppa Sabatini: 14° posto per Vincenzo Albanese

 

 

Dopo aver corso il Giro di Toscana, i corridori della Eolo-Kometa erano di nuovo in sella oggi per la Coppa Sabatini, Gran Premio Città di Peccioli. E come ieri la gara ha sorriso a Michael Valgren. Il corridore della EF Education - Nippo ha attaccato a qualche metro dal traguardo ed è stato raggiunto dal campione europeo Sonny Colbrelli (Bahrain - Victorious). Mathieu  Burgaudeau (TotalEnergies) ha finito terzo. Prima c'era stata una fuga di cinque corridori, ripresi a 40 km dall'arrivo. 

 

La Eolo-Kometa non ha potuto rimanere davanti. Il miglio posto è stato ottenuto da Vincenzo Albanese, 14° a 1:38.

 

Francesco Gavazzi racconta: "Ho provato ma davvero ormai era impossibile riprendere il gruppetto là davanti. Del resto, questo è il ciclismo: i treni passano una volta sola, e se si perdono poi non tornano più…".

 

 

- Classifica:

 

1. VALGREN Michael (EF Education - Nippo) 5:14:20
2. COLBRELLI Sonny (Bahrain - Victorious) a 03s
3. BURGAUDEAU Mathieu (TotalEnergies) a 06s
4. BARONCINI Filippo (Italy) a 09s
5. ROTA Lorenzo (Intermarché - Wanty - Gobert Matériaux) a 11s
14. ALBANESE Vincenzo (Eolo-Kometa) a 1:38
44. WACKERMANN Luca (Eolo-Kometa) a 2:43
 
 
 
 
@IBdailyblog

16/09/2021
0 Poster un commentaire

Giro della Toscana: Davide Bais in fuga, Luca Wackermann e Lorenzo Fortunato neila top 20

 
 
 
Questo mercoledì la Eolo-Kometa era sulle strade di Pontedera per disputare il Giro della Toscana - Memorial Alfredo Martini. E la formazione italiana è stata protagonista prima con Davide Bais, presente nella prima fuga e ultimo ripreso, poi con Luca Wackermann, molto attivo sull'ultima salita, il Monte Serra. Ma la vittoria è stata per Michael Valgren. L'uomo della EF Education-Nippo è partito da solo a 14 chilometri dall'arrivo, mantenendo un vantaggio di 1:13 sul suo primo inseguitore, Alessandro De Marchi (Italia). Il podio è stato completato da Diego Ulissi (UAE-Team Emirates). 
 
Lorenzo Fortunato è il primo Eolo-Kometa, 16° a 1:18. Con lui c'era Luca, 18°: "Stavo bene, e ho voluto provare a stare davanti sull’ultima salita per vedere cosa sarebbe successo. La gamba era buona, sono riuscito a tenere un buon ritmo e abbiamo fatto selezione: poi, nel finale non potevo fare di più. Magari, ripensandoci, avrei potuto gestire meglio la volata per provare a centrare un piazzamento: domani è un altro giorno, vedremo…".
 
Davide Bais ci racconta la sua corsa: "Oggi dovevo fare solo una cosa: andare in fuga e starci il più possibile. Credo di aver fatto il mio dovere, anche se ho fatto davvero un sacco di fatica. La fuga è partita quasi subito e ha preso anche un buon vantaggio, mi sono fatto un po’ vedere e sono stato l’ultimo a essere ripreso. Va bene, queste corse per me sono un bagaglio di esperienza importantissimo che mi servirà più avanti".
 
 
- Classifica
 
1. VALGREN Michael (EF Education - Nippo) 4:33:37
2. DE MARCHI Alessandro (Italia) a 1:13
3. ULISSI Diego (UAE-Team Emirates) a 1:18
4. ROTA Lorenzo (Intermarché - Wanty - Gobert Matériaux) a 1:18
5. VILLELLA Davide (Movistar) a 1:18
16. FORTUNATO Lorenzo (Eolo-Kometa) a 1:18
18. WACKERMANN Luca (Eolo-Kometa) a 1:18
28. RAVASI Edward (Eolo-Kometa) a 5:15
39. CHRISTIAN Mark (Eolo)-Kometa) a 9:57
53. BAIS Davide (Eolo-Kometa) a 10:41
 
 
 
 
@IBdailyblog

15/09/2021
0 Poster un commentaire

Il Giro di Alberto

AlbertoIvanSfida.jpg

 

Articolo di Matteo Pirelli, Gazzetta Dello Sport

 

 

"Sono più nervoso di quando correvo... Se vince Fortunato, vadoda Pinto a Milano, 1600 chilometri, in bici. Capito?". Era lo scorso 22 maggio, tappa dello Zoncolan al Giro d’Italia. Le immagini in cui Alberto Contador da casa "spinge" Lorenzo Fortunato all’impresa su una delle salite più affascinanti della Corsa Rosa sono diventate presto virali. Del resto, quella è stata una giornata storica per il team Eolo-Kometa del Pistolero e di Ivan Basso, il progetto più moderno del ciclismo italiano, che in quella occasione conquistò il primo successo. Che, per prestigio e modalità (in fuga dal chilometro 12 e solitario all’arrivo), resterà una pietra miliare nella carriera "manageriale" dei due ex campioni. E quella vittoria fu anche prevista da Basso che al mattino, prima della partenza,aveva detto che Fortunato avrebbe potuto vincere. Detto e fatto.

 

Restava da mantenere quella promessa. E il Pistolero è stato di parola. Lunedì, assieme al suo gruppo di nove amici della Aurum Bike Travel, è salito in bici e si è messo in marcia verso Milano. Sei tappe, da Madrid al capoluogo lombardo, due frontiere da superare, e1600 chilometri in totale per un dislivello complessivo di circa 5000 metri. "È una cosa nata un po’ per gioco - racconta Ivan Basso, re di due Giri d’Italia, nel 2006 e 2010, anno in cui vinse una tappa proprio sullo Zoncolan -. Tra me e Alberto c’è grande complicità, io gli dò una mano sulla parte legata alle bici e lui sulle questioni relative alla squadra. Il nostro obiettivo al Giro era ambizioso per una squadra Professional e giovane come la nostra: vincere una tappa. Con Alberto ci sentivamo tre-quattro volte al giorno, lui non poteva venire di persona perché aveva il Covid e così ha fatto il tifo da casa, con quel famoso video che ha fatto il giro del mondo. Come s’è visto e rivisto, non stava nella pelle...".

 

Il percorso Subito dopo lo Zonzolan, Contador ha cominciato a pianificare il viaggio per mantenere la promessa. E lunedì, appunto, si è messo in marcia. Un viaggio anche di piacere per uno che dà le bici alla squadra col suo marchio Aurum e si mantiene in forma pedalando quasi tutti i giorni. "Sono un gruppo molto organizzato - continua Basso -. Hanno al seguito una vettura per ogni esigenza e hanno pianificato tutto, dagli hotel ai posti dove fermarsi. Le gambe a Milano saranno pesanti, perché il percorso è molto impegnativo viste anche le tante montagne da passare. Ma è tutta gente preparata".

 

Nel frattempo le prime due tappe sono state già portate a termine: lunedì la Madrid-Saragozza, 368 chilometri coperti in 10 ore e 39 minuti che non hanno affaticato Contador: "È stato uno dei giorni più belli che ho trascorso in bicicletta - il messaggio sui social del madrileno - , bella tappa affrontata con tanti amici: anche se può sembrare sorprendente, ci è sembrata corta e veloce. E continuiamo con lo stesso entusiasmo la nostra Madrid-Milano".

 

Ieri, invece, è stata la volta della Saragozza-La Seul d’Urgell (275,9 chilometri), non lontano da Andorra. Da dove si ripartirà oggi per poi arrivare a Montpellier dopo 315 chilometri (la tappa più lunga di questa pedalata) dopo aver attraversato la frontiera Spagna-Francia sui Pirenei. E domani, a far compagnia a Contador e amici, arriverà proprio Ivan Basso. "Raggiungerò il gruppo a Gap in serata - dice ancora il varesino - e farò le ultime due tappe assieme a loro. Sarò alla coppa Sabatini con la squadra e la sera dalla Toscana partirò verso la Francia. È l’occasione per stare assieme, mantenersi in forma e pianificare le ultime corse della stagione".

 

Da corridore, Basso non ha mai fatto promesse, voti o cose del genere. Pedalava e basta. Ma da quando è sull’ammiraglia il suo pensiero è cambiato. E gli orizzonti si sono allargati. Ed ecco che arriva la "proposta indecente". "Facciamo così - chiude Ivan -. Se al prossimo Giro d’Italia con la Eolo-Kometa vinceremo due tappe, migliorando il risultato di quest’anno, farò come Alberto ma sul percorso opposto. Da Milano a Madrid in sei tappe". La sfida è lanciata.

 

 

 

 

@IBdailyblog


15/09/2021
0 Poster un commentaire

Presentazioni 18° Memorial Marco Pantani e 74° Trofeo Matteotti

MemorialMarcoPantani2021.jpg
TrofeoMatteotti2021.jpg

 

 

Sito ufficiale Eolo-Kometa Cycling Team

 

 

La successione delle gare del calendario italiano comincia a prendere velocità con due nuove gare che chiuderanno la terza settimana di settembre. È la volta del Memorial Marco Pantani, a Cesenatico sabato 18, e del Trofeo Matteotti a Pescara, il giorno seguente, domenica 19.

 

Il Memorial Pantani è una gara giovane rispetto alle altre, solo diciassette edizioni si sono svolte dalla sua nascita nel 2004, ma il peso del suo nome lo rende un evento molto importante. Un Memorial Marco Pantani che ha visto uno dei corridori del nostro team, Francesco Gavazzi (2016), alzare le braccia al traguardo. Nel 2010 Belletti era terzo e nel 2018 era Gava.

 

L’edizione del 2021 ripeterà il percorso della precedente. Una prima via dove verranno scalati la Rocca del Carminate, Teodorano e il Monte Cavallo. Poi, tre giri del circuito di Montevecchio, dove questa difficoltà orografica si distingue per la sua lunghezza (5 km), la sua pendenza media (6%) e le sue pendenze massime (14%). Infine, quattro giri di un circuito stradale a Cesenatico.

 

Il Trofeo Matteotti ha molta più tradizione. La gara dell’Unione Ciclista Perna è giunta alla sua 74esima edizione. Un circuito che ha come epicentro Pescara e dintorni ospita la gara. Il circuito, di 15 chilometri, presenta nella sua parte centrale la salita al Colle Scorrano e a Montesilvano Colle come grandi difficoltà ed entrambe saranno affrontate durante tredici giri.

 

Lo staff tecnico dell’Eolo-Kometa Cycling Team ha organizzato un blocco di undici corridori per questa seconda catena di gare in Italia. Nel Memorial Pantani gareggeranno Vincenzo Albanese, Davide Bais, Manuel Belletti, Mark Christian, Francesco Gavazzi, Lorenzo Fortunato e Vicente Hernaiz. Il giorno seguente, nel Trofeo Matteotti, Albanese, Bais e Fortunato si ripeteranno e Mattia Frapporti, Edward Ravasi, Samuele Rivi e Luca Wackermann completeranno la squadra.

 

 

 

 

@IBdailyblog


14/09/2021
0 Poster un commentaire

Coppa d’Oro, un papà speciale, con le idee tanto chiare…

IvanSantyCoppaOra21.jpg
 
 
Di Enzo Vicennati, bici.pro
 
 
Borgo Valsugana, un’ora alla partenza della Coppa d’Oro. A Trento i professionisti si preparano per il via degli europei. Lo speaker chiama e presenta i quasi 400 allievi venuti da tutta Italia e da qualche angolo d’Europa per la classica più bella. Ai piedi del palco, Ivan Basso dà le ultime dritte a suo figlio Santiago, che corre con la maglia della Bustese. La Coppa torna dopo il Covid grazie al coraggio del Veloce Club Borgo e del suo presidente Stefano Casagranda. È mancato qualcosa nelle celebrazioni della vigilia, ma la piazza è il solito ribollire di sguardi nervosi e gambe guizzanti.
 
"Sono qui in triplice veste – ha detto Basso poco fa al microfono – come padre, come ex vincitore di questa corsa nel lontano 1993 e come dirigente sportivo". Impossibile sottrarsi alla curiosità, mentre a turno i tifosi di ieri e di oggi chiedono di farsi la foto, sotto lo sguardo divertito di suo figlio Levante, che sta un passo indietro. Lui di correre al momento non ha troppa voglia, però ha chiesto al padre che scuole si debbano scegliere per fare il mestiere di Stefano Zanatta…

 

 

- Quando sentisti parlare per la prima volta di questa corsa?

 

Quando ero esordiente di secondo anno. Questa è la corsa che inizia a proiettarti nella lista dei predestinati. Non è cruciale per la carriera, ma da qui si comincia a tracciare una linea particolare. Erano le prime trasferte, le prime volte che con la squadra si andava in un albergo. E poi ovviamente il contesto. Nelle categorie giovanili, la maggior parte delle gare si fa nella provincia, quella era la prima volta che anche andavo fuori regione.

 

 

- Tanta emozione?

 

C’erano delle emozioni particolari. L’albo d’oro e la storia di questa corsa fanno alzare la tensione, era la prima volta che sentivo quel dolore allo stomaco da prestazione. Prima si andava la Sagra del Brinzio a Varese, insomma…

 

 

- Cosa ricordi di Ivan Basso da allievo?

 

Ero pieno di ricci (ride, ndr)! Ivan basso allievo era già un ragazzo che sognava di diventare un ciclista professionista. Dopo la vittoria in questa gara, sono iniziati i primi articoli sui giornali, le prime attenzioni particolari nei tuoi confronti, soprattutto le squadre che ti cercavano. I primi soldini. Significava anche che arrivavo nella categoria juniores dove potevo già vestire l’azzurro. Il passaggio più emozionante dopo aver vinto la Coppa d’Oro fu vestire la maglia azzurra da junior.

 

 

- Si corre per il proprio direttore sportivo, ma cosa significò vincerla?

 

C’era l’orgoglio di diventare un ciclista professionista. Facendo un piccolo parallelo con oggi, la categoria allievi era gestita con le metodologie di allora. In questo momento c’è stata un’evoluzione anche nelle categorie giovanili, ma non sempre se c’è troppa esasperazione la crescita del giovane continua con lo stesso trend. Una volta questa era considerata un momento di passaggio nella crescita, non uno spartiacque.

 

 

- Quanto è diverso oggi?

 

Premetto che non mi intrometto e con Santiago parlo di tutto fuorché di ciclismo. È Dario Andriotto che si occupa del settore giovanile e anche di mio figlio, ma ritengo che fra i giovanissimi e gli juniores ci siano società che lavorano bene e altre che hanno probabilmente delle aspettative troppo alte per quella categoria. 

 

 

- Basta guardare le bici con cui corrono…

 

Però io non sono d’accordo che un allievo debba avere una bicicletta come quella che usa Fortunato al Giro d’Italia. Ritengo che sia una categoria dove ci vuole il buon senso. Sono ragazzi di 15 anni, devono allenarsi, imparare a mangiare. Ogni anno devi crescere un po’, a questa età è un controsenso dare tutto al massimo. Porto l’esempio di Santiago…

 

 

- Prego…

 

Tu non puoi trattare Santiago come un under 23, quando poi lo vedi che un minuto dopo la gara, si mette a giocare a nascondino coi suoi fratelli di sei e dieci anni. Non hanno ancora la capacità e la tenuta psicologica. Per cui puoi mettergli dei tubolari velocissimi e gli ingranaggi più belli, ma non cambia niente. Questa è un’età secondo me dove bisogna ancora lasciare libertà e la possibilità di fare altri sport. Ci sono atleti che iniziano a correre 17-18 anni che magari hanno qualche difficoltà nel gruppo, ma a livello di forza ne hanno di più e fanno risultato meglio di chi magari ha iniziato da giovanissimo.

 

 

- Santiago aveva le tue stesse emozioni venendo a Borgo?

 

Le stesse. Qual è il genitore appassionato di ciclismo che non ha l’ambizione che suo figlio possa fare il ciclista? Però tutto a suo tempo. Sono convinto che se deve arrivare, arriverà.

 

 

- Come vi regolate con i ragazzi che escono da squadre un po’ troppo… spinte?

 

Non li prendiamo. Perché comunque i nostri responsabili dello scouting sono ex atleti, persone che hanno corso con me e sanno distinguere. Per evitare questo problema stiamo cercando di creare una filiera, non una filiera unica perché altrimenti sarebbe penalizzante per le altre società, creando dei gemellaggi con società satelliti. Tant’è vero che stiamo già prendendo ragazzi di 15-16 anni da inserire nelle nostre squadre, ad esempio i due gemelli Bessega. E seguiamo bene tutto. Andriotto oggi è al Buffoni e io sono qua. Ma vorrei aggiungere una cosa…

 

 

- Quale?

 

La stragrande maggioranza lavora nel modo giusto, non è tutto sbagliato. Però cercare il risultato e l’esasperazione nella categoria allievi, poi negli junior e anche negli under 23 fa dei grossi danni. Perché comunque non hanno la testa per sopportare i carichi di lavoro o diete particolari. Non hanno la testa per sopportare la pressione e soprattutto devono imparare a perdere. Quindi rischi che a spingere sul fatto che devono vincere le corse, poi non sanno usare il cambio, non sanno frenare, non sanno dare i cambi, non sanno fare una doppia fila, fanno le volate con le mani alte…

 

 

- Tu sei sempre stato molto attento alla preparazione, daresti loro il misuratore di potenza?

 

No! Ritengo che il misuratore di potenza inizi a dare delle indicazioni utili al secondo anno da e solo in allenamento. Sono d’accordo con l’intervista che ha fatto Andrea Morelli. È il cardiofrequenzimetro la vera innovazione. Perché con il cuore l’atleta dovrebbe iniziare a capire e ad ascoltare il proprio corpo. Perché la vera differenza non sarà quanti watt hai al chilo. Quello che fa la differenza tra il campione il corridore normale è la capacità di andare oltre con la testa. Vince chi sa soffrire di più e che basta tener duro ancora un po’. Sono le cose che non insegni, che il corridore impara da sé.

 

 

 

 

@IBdailyblog


12/09/2021
0 Poster un commentaire

Presentazioni Giro della Toscana e Coppa Sabatini

GiroToscana2021.jpg

 
 
CoppaSabatini2021.jpg
 
Sito ufficiale Eolo-Kometa Cycling Team
 
 
È il turno delle classiche e semiclassiche che si svolgono durante i mesi di settembre e ottobre in Italia, un interessante ciclo di gare di un giorno che si svolgono prima e dopo i campionati del mondo e che costituiscono un interessante momento competitivo nel calendario europeo e internazionale. L’Eolo-Kometa Cycling Team affronta il tratto finale della sua stagione con rinnovata forza dopo un primo anno nella categoria ProTeam in cui non ha smesso di progredire e in cui, sempre con il massimo impegno, sono arrivati grandi risultati, senza far mancare le vittorie. Un risultato molto interessante di questo primo anno è che sia Alpecin-Fenix che Eolo-Kometa Cycling Team sono le uniche strutture della categoria ProTeam che hanno ottenuto la vittoria in una grande corsa a tappe, su tre settimane.
 
Le due corse del Giro della Toscana promosse dall’Unione Ciclistica Pecciolese, con la formula del Challenge, saranno le prime gare di questo ciclo, per le quali lo staff tecnico ha convocato undici corridori. Mercoledì 15, a Pontedera, con il Giro della Toscana. Il giorno seguente, giovedì 16, con la Coppa Sabatini a Peccioli. Due gare con percorsi interessanti e terreni impegnativi.
 
Erede diretto della corsa nata nel 1913 e organizzata fino al 2014, l’attuale Giro della Toscana è rinato nel 2016 con rinnovato vigore. Con partenza e arrivo a Pontedera, la gara si svolge su 191,5 chilometri su due circuiti: un percorso iniziale di 81,3 chilometri dove si affronta due volte la salita di Lajatico e un altro finale di 55,4 chilometri, al quale si devono compiere due giri e che, a metà percorso, presenta la salita al Monte Serra. Il Giro della Toscana segnerà l’inizio del nuovo ciclo competitivo di Lorenzo Fortunato. Francesco Gavazzi sarà ancora una volta il capitano di una formazione completata dal britannico Marc Christian, dall’ungherese Erik Fetter e dagli italiani Davide Bais, Edward Ravasi e Luca Wackermann.
 
Con partenza e arrivo a Peccioli, la Coppa Sabatini-Gran Premio Città di Peccioli si disputa su 210 chilometri. Tre tappe compongono il percorso totale, con la città in provincia di Pisa al centro della gara. Un primo percorso di 47,8 chilometri con le salite di Montefoscoli, Terricciola, Lajatico e Peccioli da gestire; un altro percorso di 25,2 chilometri con Montefoscoli, Terricciola e Peccioli per completare cinque giri; e un ultimo anello di 12,2 chilometri, da percorrere due volte, con la salita di Peccioli. L’ultimo chilometro è in discesa. Lo spagnolo Vicente Hernaiz farà il suo debutto come stagiaire in questa corsa. Anche Vincenzo Albanese, Mattia Frapporti e Samuele Rivi si uniranno alla squadra. I quattro prendono il posto di Bais, Fetter, Fortunato e Ravasi. Gavazzi torna in una gara in cui è già stato terzo nel 2017.
 
"Mi sento benissimo", sorride Lorenzo Fortunato. "Sono quasi quattro settimane che lavoro in Livigno. Ho lavorato molto duramente e in buone condizioni. Mi sento forte e non vedo l’ora di ricominciare a correre. Non vedo l’ora che arrivi questo momento della stagione. Voglio confermare che quello che ho fatto nella prima parte della stagione non è stata una coincidenza. Il Giro di Lombardia è all’orizzonte e voglio essere più forte che mai in questa gara".
 
Il spagnolo Vicente Hernaiz, di Valladolid, è assolutamente entusiasta. "È un momento molto speciale. Alla fine della giornata, è anche un passo in più nel lavoro per raggiungere il sogno di diventare un professionista. Non ho mai avuto un’opportunità come questa e naturalmente voglio essere all’altezza delle aspettative. Mi piace preparare le gare a fondo, studiarle; se vuoi essere un ciclista professionista devi lavorare come un professionista. Se normalmente lo faccio un giorno prima, non nego che ora ho fatto i miei compiti più in anticipo. Ci sono alcune strade che ho avuto l’opportunità di percorrere nel Giro U23 di quest’anno. Vado con tutta la voglia del mondo, per fare del mio meglio, per aiutare i miei compagni di squadra e per fare tutto quello che mi dicono di fare. Speriamo, sarei felice di aiutare Albanese nella finale per una vittoria, per dargli una mano in modo che possa affrontare il traguardo nelle migliori condizioni. Non si può sapere come andrà, la competizione è così, ma non vedo l’ora".
 
 
 
 
 
@IBdailyblog

08/09/2021
0 Poster un commentaire

4° Tappa Poitou-Charentes: Eolo-Kometa miglior squadra della 35° edizione

4Tappab.jpg
 
L'ultima tappa del Tour Poitou-Charentes si disputava oggi tra Villefagan e Poitiers (166,5 km). Una volata era attesa ma un corridore ha resistito al ritorno del gruppo: Clément Carisey. L'uomo della Delko era presente nella fuga di giornata, composta da otto corridori e partita dopo 30 km di corsa. A 2 km dal traguardo, nel circuite finale, il francese ha attaccato, riuscendo a mantenere 3s di vantaggio sul gruppo principale, molto ridotto a seguito di una caduta a 17 km da Poitiers. A Carisey la tappa ma a Connor Swift (Arkéa-Samsic) la generale. 
 
E sul podio di questa 35° edizione c'è anche la Eolo-Kometa, che ha vinto la classifica a squadre. 
 
Le parole di Erik Fetter: "È un peccato che ci sia mancata un po’ di fortuna nei primi due giorni. Abbiamo perso molto tempo, che ci ha privato di essere in lotta, non per la classifica generale, non possiamo saperlo, ma per un posto nella top ten, di sicuro. Nonostante tutto, sono contento di questa serie di gare in Francia, dove ho fatto il mio debutto come professionista. Aspetto la fine della stagione con rinnovate speranze".
 
Il direttore sportivo, Stefano Zanatta, è sodisfatto: "Una vittoria nella classifica generale a squadre è sempre importante e ha un grande valore simbolico perché significa che le cose sono state fatte bene e per diversi giorni. E ancora di più in una gara come questa, con sviluppi così nervosi e così tante alternative. Abbiamo sfiorato la vittoria nella cronometro grazie a John e nella generale avremmo potuto ottenere una posizione molto migliore con Erik se non fosse stato colpito dai tagli delle cadute. Ma lo sport è così e la valutazione è buona".
 
 
- Classifica 4° tappa:
 
1. CARISEY Clément (DELKO) 3:41:47
2. RAVANELLI Simone (Androni Giocattoli - Sidermec) a 03s
3. CARPENTER Robin (Rally Cycling) a 03s
4. TRARIEUX Julien (DELKO) a 03s
5. CONSONNI Simone (Cofidis, Solutions Crédits) a 03s
16. BELLETTI Manuel (Eolo-Kometa) a 03s
25. BAIS Davide (Eolo-Kometa) a 03s
34. FETTER Erik (Eolo-Kometa) a 19s
70. SEVILLA Diego Pablo (Eolo-Kometa) a 3:18
87. ARCHIBALD John (Eolo-Kometa) a 9:17
92. RIVI Samuele (Eolo-Kometa) a 9:18
93. WACKERMANN Luca (Eolo-Kometa) a 9:18
 
 
- Classifica generale finale: 
 
1. SWIFT Connor (Arkéa Samsic) 16:01:28
2. ARMIRAIL Bruno (Groupama - FDJ) a 12s
3. HULGAARD Morten (Uno-X Pro) a 20s
4. DE MARCHI Alessandro (Israel Start-Up Nation) a 24s
5. TURGIS Anthony (TotalEnergies) a 30s
14. FETTER Erik (Eolo-Kometa) a 2:10
30. BELLETTI Manuel (Eolo-Kometa) a 4:02
38. BAIS Davide (Eolo-Kometa) a 7:23
41. SEVILLA Diego Pablo (Eolo-Kometa) a 7:37
60. WACKERMANN Luca (Eolo-Kometa) a 11:45
61. RIVI Samuele (Eolo-Kometa) a 11:46
91. ARCHIBALD John (Eolo-Kometa) a 27:46
 
 
 
 
@IBdailyblog

27/08/2021
0 Poster un commentaire