www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

Isaac Cantón firma alla Burgos-BH

Arrivo.jpg

 

 

Sito ufficiale Kometa Cycling Team 

 

 

Isaac Cantón si aggiunge alla lista dei corridori della Kometa Cycling Team che passano ad una categoria superiore. Il ciclista di Argamasilla de Alba (13 giugno 1996) correrà le prossime due stagioni nei ranghi della Burgos-BH dopo aver gareggiato due anni con la squadra continentale della Fondazione Alberto Contador.

 

Cantón, dopo essere arrivato nella squadra U23 della Fondazione nel 2017 e aver vinto il Campionato Spagnolo della sua categoria, è stato uno degli undici corridori che hanno costituito la Polartec-Kometa con cui la Fondazione è sbarcata nel mondo continentale.

 

Il corridore ha avuto questa stagione trenta giorni di gara in cui la sua migliore posizione è stato il nono posto nella Villafranca-Ordiziako Klasika, il più antico appuntamento di un giorno del calendario spagnolo, anche se è stato in fuga in diverse corse ed è stato fondamentale nel supporto dei suoi compagni in montagna, come è successo durante l'ultima Vuelta a Burgos. Durante l'impegnativo Giro di Sicilia, Cantón è stato uno dei grandi protagonisti delle fughe; sull'isola italiana ha indossato per due giorni la maglia di leader della montagna.

 

"Sono molto grato a tutte le persone della Fondazione per tutto quello che ho vissuto in questi tre anni. È stato un periodo meraviglioso in cui non solo ho imparato molto, ma ho anche avuto l'opportunità di incontrare persone fantastiche. Sono stato molto fortunato ad avere questi colleghi e ad avere il supporto dell'intero personale della Fondazione. Sono particolarmente grato a Fran Contador per tutto il suo sostegno. Ora c'è una nuova opportunità, una nuova sfida, che affronto con grande entusiasmo", dice Isaac Cantón.

 

"Isaac è un ragazzo adorabile, una persona molto brava, semplice e impegnata. Da un lato ci dispiace perderlo, ma dall'altro ci dà grande soddisfazione perché cresce e migliora in questo sport," ha detto il direttore generale della Fondazione, Fran Contador. "Alla fine, l'obiettivo della nostra formazione continentale è quello di formare i corridori e permettere loro di fare un salto nella loro carriera, sia nel WorldTour che nella categoria ContiPro. Continueremo a lavorare giorno per giorno per questo obiettivo.".

 

 

 

 

@IBdailyblog


22/10/2019
0 Poster un commentaire

Xstra Digital Storage sarà co-sponsor della squadra continentale della Fondazione Alberto Contador : nel 2020, Kometa-Xstra Cycling Team

xstrabb.jpg


 

Sito ufficiale Kometa Cycling Team 

 

 

La formazione continentale della Fondazione Alberto Contador si chiamerà Kometa-Xstra la prossima stagione, dopo l'accordo raggiunto nelle ultime settimane tra Fran Contador, direttore generale della fondazione sportiva, Giacomo Pedranzini, CEO di Kometa, e John Ramussen, CEO di Xstra Digital Storage.

 

Xstra Digital Storage è un'azienda leader nel settore delle nuove tecnologie con sede a Oosterhout, vicino a Breda (Paesi Bassi). Oltre ad offrire tutti i tipi di prodotti e soluzioni di archiviazione dati Flash e DRAM per aziende di settori diversi come quello automobilistico, aeronautico, della difesa o della medicina, è anche un fornitore diretto per il mercato dei consumatori. 

 

"Abbiamo discusso di questa possibilità per alcune settimane e siamo finalmente riusciti a raggiungere un accordo, i cui dettagli sono stati chiariti qualche giorno dopo ad Amsterdam. Kometa rimane il primo sponsor, Giacomo Pedranzini è molto soddisfatto di tutto il lavoro che stiamo facendo. Xstra si unisce a noi e ci darà una garanzia di stabilità", valuta Fran Contador, direttore generale della Fondazione Alberto Contador. 

 

Ivan Basso, manager sportivo della Kometa-Xstra : "John Rasmussen è un grande appassionato di questo sport ed era stato precedentemente legato ad una squadra di ciclismo, è stato uno dei fondatori della squadra CSC. Dopo tanto tempo ci siamo incontrati di nuovo per caso in un ristorante a Oosterhout, abbiamo iniziato a parlare del mondo del ciclismo e del progetto della fondazione e quasi subito è nata questa possibilità. John è un grande imprenditore, un innovatore e anche un convinto sostenitore della sponsorizzazione sportiva. Con la sua esperienza nel mondo degli affari ci porterà sicuramente nuovi punti di vista per lo sviluppo della squadra. Non è solo uno sponsor, ma anche un amico e un grande tifoso. Siamo molto grati per la sua fiducia nel nostro progetto".

 

John Rasmussen, CEO di Xstra :"Durante quella riunione con Ivan Basso, lo scorso agosto, abbiamo parlato di ciclismo e Ivan ha anche riassunto il lavoro che stanno facendo alla Fondazione. Lo conosco da quando era uno dei proprietari della CSC. Mi è piaciuto molto quello che ha detto e continueremo a parlare per imparare nuovi dettagli in modo più approfondito. Condivido la filosofia di lavoro della Fondazione, che coincide con la mia. E avere due campioni come Alberto Contador e Ivan Basso nella stessa squadra è una combinazione vincente. Sono fermamente convinto che questa sponsorizzazione sia una grande opportunità per la nostra azienda e per la Fondazione".

 

"Voglio dare il benvenuto a XSTRA come co-sponsor della nostra squadra. Credo che potremo beneficiare della sua lunga esperienza nel ciclismo e contiamo sul suo contributo per rafforzare la squadra, innovare e insieme essere più efficaci nel trasmettere i nostri valori fondamentali", osserva Giacomo Pedranzini, CEO di Kometa.

 

Il Kometa-Xstra ha annunciato qualche giorno fa l’arrivo di Sergio García, Alejandro Ropero e l'italiano Alessandro Fancellu dalla struttura sub23 della Fondazione Alberto Contador. L'ungherese Erik Fetter fa anche il salto nel mondo professionale, senza dimenticare la firma del danese Mathias Larsen.

 

 

 

 

@IBdailyblog


17/10/2019
0 Poster un commentaire

Ivan : “Fancellu e Puppio due talenti su cui puntare. Nibali ha scelto la squadra giusta”

Mall 17.jpg

 

Intervista di Michele Cassano (Oasport.it)

 

 

- A distanza di qualche giorno, che idea ti sei fatto sul Mondiale 2019 ?


L’Italia ha corso la gara iridata in maniera esemplare e secondo me non l’ha perso, semplicemente l’ha vinto Pedersen in maniera meritata : ha avuto uno spunto migliore. È una situazione di corsa che va accettata, dove ad imporsi è stato il corridore che ha avuto un pizzico di energia in più.

 
 

- Pedersen è un giovane, ma voi lavorate al team Kometa Cycling Team con ragazzi ancor più giovani : come vi trovate con loro, visto che molti ragazzi – come Fancellu – hanno speso grandi parole per voi in queste settimane ?


Ritengo che Fancellu e Puppio, oltre a Juan Pedro López e Michel Ries che sono già in Trek-Segafredo, siano per le loro diverse caratteristiche due talenti italiani su cui il nostro movimento può puntare molto.

 

 

- In Trek-Segafredo arriva una tua vecchia conoscenza come Nibali, che annata vedi alle porte per lui ? 


Credo che Vincenzo abbia scelto la squadra giusta per poter centrare gli obiettivi che, di volta in volta, proverà a mettere nel mirino in questa fase della sua carriera: siano esse delle Classiche o dei Grandi Giri.

 

 

 

- A proposito del Giro d’Italia : in molti hanno criticato il disegno del 2019, ti aspetti qualcosa di diverso nel 2020 ? 


Io sono sempre stato scettico riguardo alle critiche, anche perché il Giro è la corsa che segnerei sempre nel mio calendario personale e a cui vorrei partecipare se fossi ancora in bicicletta. Ci sarà sempre qualcuno che ti dirà che c’è qualcosa che non va, io preferisco pensare a chi fa, chi organizza e chi lavora per il bene delle corse.

 

 

 

 

@IBdailyblog


14/10/2019
0 Poster un commentaire

Il danese Mathias Larsen nuovo corridore della Kometa Cycling Team

Mathias Larsen.jpg

 

 

Sito Ufficiale Kometa Cycling Team

 

 

Mathias Larsen (Copenhagen, 2 maggio 1999) correrà la prossima stagione nella Kometa Cycling Team. Il corridore danese è il quinto nuovo uomo di un progetto che ha già ingaggiato gli spagnoli Sergio García e Alejandro Ropero e l'italiano Alessandro Fancellu, i tre della squadra U23 della Fondazione, e l'ungherese Erik Fetter, che era nella Pannon Cycling Team. 

 

Larsen ha gareggiato nel 2018 nella Team Waoo del suo paese, una struttura anche nella categoria continentale dove è arrivato dopo aver trascorso un anno nella ColoQuick. Mathias è il figlio di Nicolaj Bo Larsen, ex corridore professionista tra il 1996 e il 2002, doppio campione nazionale e vincitore di una tappa del Giro d'Italia 1996 con arrivo a Biella. "È sempre bello avere un ex corridore a casa, perché ti dà molti consigli su come gareggiare o come allenarsi, ma è anche tuo padre. E soprattutto è tuo padre", scherza il nuovo ciclista della Kometa Cycling Team.

 

Come corridore, Larsen si definisce un ciclista completo, con una buona velocità in piccoli gruppi e capace di superare salite di media montagna. Gare di un iorno sono le sue corse preferite e la vittoria in uno dei cinque monumenti rientra nei suoi sogni sportivi. "Mi è piaciuto molto il modo in cui ha corso Alberto Contador, un ciclista molto offensivo, attaccante, senza paura di perdere… Ho adorato Il suo modo di correre, è senza dubbio uno dei più grandi della storia ed è un vero onore correre con la sua squadra e quella di Ivan Basso, anche se io come corridore sono molto lontano da quel profilo. Mi piace Peter Sagan o Julian Alaphilippe", dice Larsen.

 

"Questa stagione ho avuto l'opportunità di osservare in diverse gare la Kometa Cycling Team ed è una squadra che mi è piaciuta per il suo modo di correre, per il suo modo di affrontare la competizione. Hanno una grande struttura, sono seri e senza dubbio è il posto migliore per continuare a crescere come corridore. Quest'anno tre dei loro ciclisti saltano nel WorldTour. Personalmente credo che per arrivare al WorldTour devi essere veramente pronto a farlo e credo che la Kometa Cycling Team sia il posto migliore per raggiungere il mio obiettivo", spiega il nuovo ciclista della formazione continentale della Fondazione Alberto Contador.

 

"Ivan Basso mi ha chiamato qualche settimana fa e abbiamo avuto una bella conversazione su di me e sulla squadra. Il giorno dopo abbiamo parlato di nuovo e finalmente mi ha proposto un contratto. È stato qualcosa che mi ha dato una gioia immensa e non ho riflesso molto. Ho accettato la proposta e abbiamo concluso l'accordo per questa stagione 2020", spiega Larsen.

 

Il nuovo corridore del Kometa Cycling Team è un grande amico del recente campione del mondo, il suo connazionale Mads Pedersen. "La Danimarca è un piccolo paese e alla fine ci conosciamo tutti. Ci alleniamo molte volte insieme, abbiamo anche un rapporto al di fuori della bici. A volte giochiamo anche alla console. La sua maglia arcobaleno è molto importante per continuare a diffondere questo sport nel nostro paese e da un lato molto personale, sono particolarmente felice che il campione del mondo sia uno dei miei amici".

 

 

 

@IBdailyblog


10/10/2019
0 Poster un commentaire

Alejandro Ropero si unisce alla Kometa Cycling Team per la stagione 2020

https://static.blog4ever.com/2014/01/760959/artfichier_760959_8364282_201910012537669.jpg

 

 

Sito ufficiale Kometa Cycling Team

 

 

Quello che sarà il terzo anno del progetto sportivo della Fondazione Alberto Contador nella categoria continentale cresce, con l'arrivo di Alejandro Ropero per la prossima stagione. È un corridore molto completo e regolare che può anche essere presente nelle volate in piccoli gruppi. Inoltre, Alejandro conosce già perfettamente la formazione continentale : nel 2018 ha partecipato alla Vuelta Burgos come stagista. Era andato in fuga e aveva lavorato molto per i suoi compagni. 

 

L'andaluso è stato uno dei più importanti corridori della scena amatoriale spagnola negli ultimi anni ed è un altro nuovo esempio di un corridore formato all'interno delle squadre della Fondazione Alberto Contador, dopo aver partecipato a due edizioni del Campus di selezione. Nel 2019, Ropero ha conquistato molti posti d'onore, con il secondo posto nella classifica generale della Coppa di Spagna e la Santikutz Klasika di Legazpi, e tre trionfi : la prima tappa della Bidasoa Itzulia, la tappa regina della Vuelta a Zamora e il Fira Trophy d'Agost di Xátiva. Nell'ultima gara della stagione, la Volta a Galicia, Ropero era a tre secondi dalla vittoria.

 

"Alejandro ha le idee molto chiare e grazie al suo enorme lavoro in questi anni, ha potuto integrare la squadra continentale", dice Rafa Díaz Justo, il suo direttore sportivo nella squadra U23. "È un ciclista molto veloce che fa anche ottime prestazioni in media montagna. Pensiamo che, con la sua età, possa adattarsi molto bene alla categoria continentale".

 

"È un sogno che si avvera, soprattutto perché posso realizzarlo con le persone con cui mi sono formato. Questo era l'obiettivo che avevo in mente da quando sono passato alla categoria U23. Conosco i valori della Fondazione, come corrono, come sono, come trattano i corridori.... Senza dubbio è il posto migliore per crescere. Sono soddisfatto dell’anno che ho fatto, un anno in cui ho cercato soprattutto di essere regolare. Non sono stato in grado di finire tutte le gare che avrei voluto, ma è stato bello lottare", spiega Ropero a proposito della sua firma.

 

"Per il futuro, l'obiettivo immediato è quello di adattarsi il più presto possibile alla nuova categoria. C'è ancora tempo per la promozione, ma l'obiettivo è quello di farci conoscere e crescere nel campo professionale. Se lavoriamo bene e facciamo le cose nel modo giusto, andremo lontano. Ma anche con molta pazienza. Voglio continuare a lavorare bene e soprattutto dare tutto per la squadra. La Fondazione ha creduto in me e non voglio deludere". 

 

Félix García Casas, manager sportivo delle squadre della Fondazione : "Alejandro è un altro bellissimo esempio del nostro percorso di formazione : era al Campus, poi la squadra junior, la U23 ed ora la Continentale. Poco a poco è diventato uno dei corridori rappresentativi della scena U23 in Spagna. Pensiamo che si adatterà molto bene alla contientale. È molto intelligente in gara, ha una buona velocità e si difende in media montagna".

 

 

 

 

@IBdailyblog


01/10/2019
0 Poster un commentaire

Erik Fetter e Márton Dina, due ciclisti ungheresi per il progetto 2020 della Kometa Cycling Team

Fetter-Dina.jpg

 

 

Sito ufficiale Kometa Cycling Team

 

Dopo le firme di Sergio García e dell'italiano Alessandro Fancellu, la Kometa Cycling Team incorpora anche il giovane corridore ungherese Erik Fetter che era quest’anno alla Pannon Cycling Team. Fetter si unisce al suo connazionale Márton Dina, che è arrivato nella squadra lo scorso giugno e continuerà ad essere legato alla formazione di Madrid la prossima stagione.

  

Il nuovo corridore della Kometa Cycling Team (Budapest, 5 aprile 2000) si è forgiato anche nel mondo della mountain bike, dove è diventato campione nazionale giovanile nel 2018. Nello stesso anno ha vinto la Short Track Cross Country (XCC) dei Giochi Olimpici Giovanili a Buenos Aires (Argentina). Nel 2019 si è concentrato per la prima volta sulla strada, partecipando all'ultima edizione del Tour de l’Avenir con la sua selezione. Fetter ha concluso 53°. Sia nel Giro d'Ungheria che nel Giro di Sibiu, in Romania, si è classificato 17°.

 

"Con questa firma realizzo un sogno della mia infanzia", dice Fetter. "Entrare a far parte di una squadra di alto livello era qualcosa che mi sembrava abbastanza distante. Ma tutto il duro lavoro e la dedizione hanno dato i loro frutti. In questo momento non vedo l'ora che arrivi il nuovo anno per competere con la squadra. Il mio obiettivo è allenarmi poco a poco e raggiungere il WorldTour. Sono convinto che questa squadra sia un grande passo avanti su questa strada dopo aver affrontato il mio primo anno di attività.

 

"Per ora direi di essere un ciclista che si adatta a tutti i terreni, perché so salire bene e mi difendo anche come velocista. Ma sarà nei prossimi anni che saprò davvero qual’è la mia disciplina favorita". "Lo conosco da molti anni", aggiunge Márton Dina. "È un ragazzo affascinante, amichevole e umile. È un corridore molto completo che si difende bene su tutti i tipi di percorsi. I suoi buoni risultati, essendo così giovane, invitano a pensare che ha un bellissimo futuro davanti a sé".

 

Dina (Budapest, 11 aprile 1996) continua con la squadra dopo essere arrivato durante la seconda metà della stagione e con ottime prestazioni. Nella Giro d’Ungheria è arrivato secondo nella classifica generale finale, mentre nella Vuelta a Burgos è riuscito a finire nella top-20 finale nonostante una caduta alla fine della prima tappa.

 

"Sono molto felice di poter continuare la mia carriera nella Kometa Cycling Team. Mi piace molto l'atmosfera che si respira qui, mi sento molto bene con i miei compagni e anche con tutti i membri dello staff. È la migliore squadra per me, la migliore formazione per continuare a crescere come ciclista. Sono molto grato per la fiducia e per questa opportunità", ha detto Dina.

  

Ivan Basso, manager sportivo della Kometa Cycling Team : "Il nostro progetto con il ciclismo ungherese continua a rafforzarsi anno dopo anno. Stiamo lavorando molto per coinvolgere nuovi talenti nel progetto sportivo della Fondazione. Siamo molto grati a Der Zsolt, tecnico federale, che lavora a stretto contatto con noi e ci dà molti consigli sui ciclisti da seguire. Dina è un corridore che ha già dimostrato durante questa stagione di avere un alto livello e sono convinto che potrà migliorare ancora. Sarà la sua prima stagione completa con noi e sono molto fiducioso nella sua crescita. Fetter è un po' più giovane, ma ha anche un grandissimo talento e siamo sicuri che crescerà molto nella nostra squadra. Bisogna essere paziente perché è giovane".

 

 

 

 

@IBdailyblog


27/09/2019
0 Poster un commentaire

Alessandro Fancellu alla Kometa Cycling Team nel 2020

AF.jpg
 
 
Sito ufficiale Kometa Cycling Team
 
 
Qualche giorno dopo l'annuncio dell'arrivo di Sergio García, un secondo nome entra a far parte del progetto professionale della Fondazione Alberto Contador. L'italiano Alessandro Fancellu, vincitore questa stagione della sempre impegnativa Vuelta León, ha vinto anche la tappa finale di Ancares, correrà nel 2020 nella Kometa Cycling Team continentale.
 
In una sola stagione amatoriale, il corridore lombardo (Como, 24 aprile 2000) ha confermato il suo grande talento per il ciclismo. Oltre ad un'interessante velocità di punta, ha aggiunto una grande forza in montagna e prestazioni importanti nella cronometro.
 
Quest'anno Fancellu era nella squadra U23 della Fondazione Alberto Contador dopo aver vinto la medaglia di bronzo sul percorso juniores agli ultimi Campionati del Mondo di Innsbruck. In questo primo anno, una volta assolti gli obblighi scolastici, il corridore si è distinto nella stagione spagnola dei giri a tappe. È un ciclista che segue da vicino Luca Guercilena, direttore della sqadra WorldTour Trek-Segafredo, con il quale la struttura della Fondazione Alberto Contador lavora come squadra di sviluppo.
 
"Sono molto felice, è un sogno che si avvera", dice Alessandro Fancellu. "Sono molto contento del mio primo anno da U23, anche se non ho iniziato nel migliore dei modi. Il fatto è che nella prima parte della stagione non ho avuto il miglior livello fisico, ma da maggio la mia forma fisica è migliorata e ho finito per ottenere buoni risultati, come la vittoria di Leon. Durante questa stagione ho imparato molto dai miei compagni più vecchi e anche da Rafa Díaz e Carlos Barredo. Sono davvero felice".
 
"Alessandro è con noi da poco più di un anno, ma in ogni gara in cui è stato ha dimostrato di essere molto bravo. Si è adattato molto bene alla categoria. Sale benissimo, ha una grande velocità, come è stato visto in questa stagione in più di un finale e nella recente Volta a la Provincia de Valencia ha dimostrato che nelle crono può anche fare molto bene. Ha un grosso mentale e le sue idee sono molto chiare", dice Rafa Díaz Justo, direttore sportivo del Kometa Cycling Team U23.
 
Félix García Casas, manager sportivo delle squadre della Fondazione : "Alessandro aveva già fatto vedere bellissime cose l'anno scorso, quando ha vinto il bronzo al Mondiale. Quest'anno ha iniziato con problemi fisici, ma con pochissimo allenamento ha mostrato cose molto importanti che ha sostenuto nelle grandi gare. A volte lavorando per i suoi compagni di squadra, a volte gareggiando e persino vincendo, ha dimostrato di essere un ciclista che si difende su tutti i terreni. Fancellu scala molto bene, è coraggioso e in condizioni di vento ha sempre saputo posizionarsi, correndo davanti, molto attento ai possibili tagli. Dal mio punto di vista è un ciclista che nel suo primo anno è pronto a fare grandi cose in eventi come il Giro del Valle d'Aosta, che si adatta perfettamente alle sue caratteristiche".
 
 
 
 
@IBdailyblog

25/09/2019
0 Poster un commentaire