www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

2021 (Manager Sportivo)


Presentazione 58° Trofeo Laigueglia

0001-17494588739_20210226_154236_0000.jpg

 

Sito ufficiale Eolo-Kometa Cycling Team

 

 

Sarà una corsa, sarà anche come un primo giorno di scuola: dopo i giorni di ritiro nella Comunitat Valenciana, dopo i rinvii e le cancellazioni obbligate dalla situazione sanitaria, dopo i debutti sulle strade spagnole, ecco che si arriva in Italia. Il Trofeo Laigueglia (mercoledì 3 marzo) sarà il palcoscenico perfetto per la prima corsa italiana della Eolo-Kometa (la prima di una lunga serie…), ed è normale che si provi un po’ di sana emozione: l’emozione che arriva ogni volta che inizia una storia nuova, ancora tutta da scrivere.

 

Saranno sette gli alfieri della Eolo-Kometa che si daranno battaglia sui 202 chilometri totali della corsa ligure, con il circuito finale di 11 chilometri da ripetere quattro volte: gli italiani Albanese, Frapporti e Gavazzi, lo spagnolo Ropero, i britannici Archibald e Christian, l’ungherese Dina. E di certo ci sarà battaglia, tra tutti i corridori che ambiscono a conquistarsi la famosa “piastrella” sul muro della cittadina ligure che ospita le firme di tutti i vincitori dal 1964 a oggi. E sì, si deciderà tutto in quel circuito finale con la salita del Colla Micheri da salire quattro volte che si farà sentire, eccome.

 

Ivan Basso, general manager Eolo-Kometa: “Per noi, squadra italiana, debuttare in una corsa italiana è qualcosa di emozionante: non vedevamo l’ora, non vediamo l’ora di correre in quella che per noi è una corsa molto importante. Perché per il nostro team ogni gara è un esame: non correremo mai una gara in preparazione di un’altra gara, ma correremo sempre per provare a lasciare la nostra impronta. E faremo così anche a Laigueglia, con i corridori che sono chiamati a dimostrare a loro stessi, ai compagni e a noi di valere e meritare quella maglia che indossano”.

 

Francesco Gavazzi: “Laigueglia è una corsa impegnativa, che si decide negli ultimi 50 chilometri con quel circuito che non lascia un attimo di respiro: ogni passaggio sul Colla Micheri fa selezione e alla fine a giocarsi la vittoria resteranno solo gli atleti più forti. Quest’anno il parco partenti è davvero di altissimo livello, quindi ci sarà grande spettacolo: alla fine se la giocheranno quelli più in forma, e speriamo di esserci anche noi”.

 

 

 

 

@IBdailyblog 


26/02/2021
0 Poster un commentaire

Clásica de Almería, Davide Bais e Samuele RIvi protagonisti

ClasicaAlmeria2021.jpg
 
 
Questa la domenica la Eolo-Kometa era in Spagna per correre la Clásica de Almería. La formazione italiana è stata protagonista con Davide Bais, presente nella prima fuga di sei corridori. Poi un'altro corridore si è illustrato: Samuele Rivi, partito con tre altri corridori. Ma le squadre dei velocisti hanno reagito, lasciando poco spazio ai fuggitivi, ripresi a 40 km dal traguardo.
 
Il finale di tappa è stato molto nervoso e ci sono state diverse cadute, implicando la speranza Eolo-Kometa per la volata, Luca Pacioni. Una volata vinta da Giacomo Nizzolo. Il corridore della Qhubeka Assos, Campione Europeo, ha battuto Florian Sénéchal (Deceuninck - Quick Step) e Martin Laas (Bora - Hansgrohe). Manuel Belletti, 25° e primo Eolo-Kometa.
 
Luca racconta il tumultuoso arrivo: "Si stava andando molto veloce in un tratto dove tirava vento. C’era molta tensione, il traguardo era molto vicino. C’è stata una brusca frenata e poi sono caduto. Non ho potuto evitarlo: adesso sto bene, solo un po’ dolorante per il colpo, ma niente di più. Solo un po’ di indolenzimento. Non mi resta che pensare ai prossimi obiettivi".
 
Samuele commenta la sua fuga: "Sono contento della prestazione. Avevamo l’obiettivo di essere presenti in tutti i movimenti che potevano accadere nei primi chilometri e abbiamo fatto del nostro meglio per riuscirci. All’inizio c’erano molti attacchi, l’ho provato per la prima volta senza successo e neutralizzata la fuga in cui correva Davide la gara è entrata in una fase di calma dove diversi corridori hanno iniziato a provare ad andare via. Su una ripida salita mi sono lanciato e abbiamo finito per consolidare un quartetto, abbiamo preso un po’ di vantaggio, ma io e Zoccarato abbiamo spinto fino all’ultimo secondo".
 
 
- Classifica : 
 
1. NIZZOLO Giacomo (Qhubeka Assos) 4:18:44
2. SÉNÉCHAL Florian (Deceuninck - Quick Step) 
3. LAAS Martin (Bora - Hansgrohe) 
4. ABERASTURI Jon (Caja Rural - Seguros RGA)
5. DUPONT Timothy (Bingoal - Wallonie Bruxelles)
25. BELLETTI Manuel (Eolo-Kometa)
52. FORTUNATO Lorenzo (Eolo-Kometa) a 11s
72. FRAPPORTI Mattia (Eolo-Kometa) a 24s
109. ARCHIBALD John (Eolo-Kometa) a 2:12
129. BAIS Davide (Eolo-Kometa) a 5:32
130. RIVI Samuele (Eolo-Kometa) a 5:32
139. PACIONI Luca (Eolo-Kometa) a 13:56
 
 
 
 
@IBdailyblog
 

14/02/2021
0 Poster un commentaire

Presentazione Clásica de Almería

0001-16649921888_20210209_140236_0000.jpg

 

Sito ufficiale Eolo-Kometa Cycling Team

 

 

Domenica 14 febbraio. 34a Clásica de Amería. Puebla de Vícar-Roquetas de Mar (183,3 km).

 

A due settimane dall’esordio con la prima corsa della nuova stagione, un inizio condizionato dall’evoluzione della situazione sanitaria nel territorio della Comunitat Valenciana, i corridori della Eolo-Kometa Cycling Team tornano ad attaccarsi un numero sulla schiena per affrontare nel Mediterraneo spagnolo una nuova edizione della Clásica de Almería.

 

Un corridore britannico e sei ciclisti italiani compongono la formazione che si batterà per la vittoria nella Clásica 2021. Sarà per tutti una prima volta, poiché nessuno di loro ha mai preso parte a questa corsa nella loro carriera. Manuel Belletti e Luca Pacioni saranno i due velocisti, pronti a dare battaglia nell’arrivo allo sprint. Completano la rosa Davide Bais, Mattia Frapporti, Lorenzo Fortunato, Samuele Rivi e John Archibald.

 

La corsa andalusa, in cui la squadra professionistica della Fondazione Contador ha gareggiato per la prima volta nel 2020, è uno "spirito libero" nel calendario spagnolo. Fin dalle sue origini è stata una gara ideale per velocisti e uomini veloci, palcoscenico per avvincenti battaglie tra avventurieri di giornata e squadre dei velocisti. E infatti alcuni degli sprinter più forti hanno scritto il loro nome dell’albo d’oro di questa corsa: il tedesco Pascal Ackermann ha vinto le ultime due edizioni e quest’anno la lista dei velocisti sarà ancora una volta di assoluto rilievo.

 

Il percorso 2021 non farà eccezione a quanto proposto negli ultimi anni. La prima parte presenta un percorso più spezzato intorno alla città di Berja, con la cima di Celín, La Alquería e Fuente Marbella come principali asperità. La seconda parte, che comprende la salita ad Almerimar, è più pianeggiante con due passaggi sul traguardo prima del traguardo sull’Avenida Juan Carlos I a Roquetas.

 

"E ‘la prima gara della stagione, la prima con i nuovi colori… sono molto contento di poter iniziare questa avventura", dice Manuel Belletti. "È la mia prima partecipazione alla Clásica de Almería e spero di ottenere un buon risultato per la squadra sin dall’inizio. Un arrivo in volata è molto possibile. Saremo pronti e uniti per inseguire la vittoria".

@IBdailyblog


09/02/2021
0 Poster un commentaire

Clàssica Comunitat Valenciana : Volata e 6° posto per Luca Pacioni

ComunitataValenciana2021.jpg
 
 
Una domenica storica e piena di emozione per la Eolo-Kometa, con il debutto nella categoria continentale pro, in terra spagnola, alla Clàssica Comunitat Valenciana. Una corsa che prevedeva 150 chilometri tra Alicante e Valencia ma che è stata ridotta a 90 km per motivi sanitari. 
 
La prima parte è stata animata da una fuga di due corridori, poi l'azione principale è stata realizzata dall'Arkéa Samsic a 35 km dall'arrivo. La squadra francese ha fatto un importante selezione e solo 19 corridori sono riusciti a seguire il suo treno frenetico. 
 
Ma la Eolo-Kometa ha attivamente lavorato per riportare i suoi corridori davanti e conservare intatte le chance del suo velocista, Luca Pacioni. Nonostante alcune tentative di fughe il finale si è giocato in volata. Ad alzare le braccia, Lorrenzo Manzin (Total Direct Energie), che ha battuto Mikel Aristi (Euskaltel-Euskadi) e Amaury Capiot (Arkéa Samsic).
 
Per la Eolo-Kometa la giornata si conclude con il 6° posto di Luca Pacioni. Samuele Rivi spiega come la squadra ha gestito il momento critico della gara: "Abbiamo avuto diciassette chilometri molto intensi, abbiamo lavorato molto duramente per abbassare il taglio. L’esperienza di Francesco Gavazzi è stata fondamentale per gestire questa situazione di gara. Gava ci ha dato tranquillità, ci ha organizzato e abbiamo potuto iniziare a guidare il gruppo degli inseguitori". Mattia Frapporti aggiunge: "Abbiamo protetto Luca il più possibile per lo sprint, cercando la migliore posizione possibile per lanciarlo. Abbiamo speso delle forze importanti per chiudere il taglio. Ma penso che abbiamo fatto un buon lavoro in questa prima gara". 
 
 
- Classifica:
 
1. MANZIN Lorrenzo (Total Direct Energie) 2:13:05
2. ARISTI Mikel (Euskaltel-Euskadi)
3. CAPIOT Amaury (Arkéa Samsic)
4. SANZ Enrique (Kern Pharma)
5. GONZÁLEZ David (Caja Rural-Seguros RGA)
6. PACIONI Luca (Eolo-Kometa)
12. FRAPPORTI Mattia (Eolo-Kometa)
52. FANCELLU Alessandro (Eolo-Kometa) a 19s
53. BAIS Davide (Eolo-Kometa) a 19s
55. GAVAZZI Francesco (Eolo-Kometa) a 30s
56. RIVI Samuele (Eolo-Kometa) a 30s
67. RAVASI Edward (Eolo-Kometa) a 5:00
 
 
 
 
@IBdailyblog

24/01/2021
0 Poster un commentaire

Una corsa rinata, per un esordio storico: al via a Valencia la Eolo-Kometa Cycling Team

ClàsssicaCommunitatValenciana2021.jpg

 

 

Sito ufficiale Eolo-Kometa Cycling Team

 

 

Domenica 24 gennaio. Clàssica Comunitat Valenciana 1969. La Nucía-Valencia (150 km). Come previsto, come atteso: sarà una domenica di forti emozioni. Sarà il primo test della stagione. I nostri "sette" all’appuntamento con la storia per una corsa tornata in calendario grazie all’impegno di un ex corridore professionista. Un insieme, meraviglioso, di splendide sensazioni. Arriva la Classica Comunitat Valenciana 1969. Arriva il debutto nelle competizioni ufficiali della Eolo-Kometa Cycling Team.

 

Alessandro Fancellu, Davide Bais, Edward Ravasi, Francesco Gavazzi, Luca Pacioni, Mattia Frapporti e Samuele Rivi sono i sette ciclisti che parteciperanno a questa rinata prova che torna nel calendario internazionale grazie all’impegno del Club Ciclista La Marina e dell’ex professionista Antonio Molina .

 

Quello che per molti anni era conosciuto come il Trofeo Luis Puig, in onore dell’ex presidente dell’Unione Ciclistica Internazionale e della Federazione Ciclistica Spagnola, ha visto la sua ultima edizione nel 2005. Creato nel 1969, la corsa si è sempre distinta per un profilo ideale per i velocisti: qui, le squadre con uomini veloci fanno rispettare la loro legge. Molti dei grandi velocisti della storia hanno iscritto qui i loro nomi. Anche se il suo albo d’oro include anche quello del francese Bernard Hinault.

 

Questo è il percorso dell’edizione "Renaissance". Un percorso all’avvio più sinuoso, che attraversa il famoso Coll de Rates di Tárbena per poi scendere verso la costa e risalire la costa mediterranea verso il traguardo dell’Avenida de l´Albereda nel capoluogo Valencia. Un percorso dove ci sarà battaglia tra cacciatori di fughe e squadre interessate allo sprint.

 

"Attendiamo con impazienza questa gara con particolare entusiasmo. Conosciamo bene il percorso perché attraversa le strade dove si è concentrato in questi giorni gran parte del nostro ritiro, e dove si è allenata la maggior parte delle squadre professionistiche. Trattandosi della prima gara in calendario, in questo contesto molto delicato a causa del COVID-19, è certo che tutte le squadre si batteranno. Con tanta voglia. Con molta motivazione. Sono certo che si correrà a un ritmo molto vivace. Ci auguriamo di poter ottenere un buon risultato. Dovrò stare attento a tutti i movimenti della corsa e, se si arriverà in volata,di avere buone gambe per dare tutto nello sprint", spiega Luca Pacioni.

 

 

 

 

@IBdailyblog


21/01/2021
0 Poster un commentaire