www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

Altre corse


Le coppe Agostoni e Bernocchi hanno concluso la stagione della Polartec-Kometa

Bernocchi.jpg

 

 

Sito ufficiale Polartec-Kometa

 

 

Coppa Agostoni : 

 

Appena quaranta corridori sono riusciti a terminare la sempre impegnativa Coppa Agostoni, un appuntamento durissimo con il suo circuito in cui la Polartec-Kometa è partita con la ferma intenzione di essere protagonista, farsi vedere e lottare per le classifiche secondarie.

 

L'italiano Gianni Moscon (Sky), uno dei cinque protagonisti degli ultimi chilometri, ha vinto la gara in quello che era il suo ritorno in gara dopo aver scontato una sanzione per aver attaccato il francese Elie Gesbert durante l'ultimo Tour de France.

 

"È stata una grande esperienza, ma anche un po’ deludente perché è stata l'ultima gara dell'anno e non sono riuscito a finirla. Abbiamo cercato di essere nella fuga, ma non era possibile. È stata una giornata molto difficile, è andato molto rapidamente per tutta la giornata," spiega Isaac Canton. 

 

Jesús Hernández, il direttore sportivo : "La gara di sabato era molto dura, è un peccato perché Juanpe è caduto la scorsa settimana e non poteva essere con noi. Ma sarebbe stato uno dei nostri uomini migliori per questa gara. Sapevamo anche che Michel era molto stanco dopo un Tour de l’Avenir molto impegnativo".

 

 

Coppa Bernocchi : 

 

"Non è stato il mio giorno migliore", dice Matteo Moschetti. Il velocista italiano, nove vittorie in questa stagione, era la grande carta vincente di Polartec-Kometa per la centesima edizione della prestigiosa Coppa Bernocchi, la seconda delle tre gare del trittico lombardo e forse la più favorevole ad una volata. Ma il lombardo, che aveva avuto un ottimo allenamento nei giorni precedenti, si è ritirato dopo essere stato in difficoltà nella salita verso Morazzone.

 

Ritirato Moschetti, la Polartec-Kometa ha potuto contare sul suo compatriota Stefano Oldani nel prevedibile finale in volata. L'italiano Sonny Colbrelli (Bahrain Merida) ha vinto per il secondo anno consecutivo. Oldani, dopo molti chilometri di lavoro per Moschetti, ha concluso in ventottesima posizione. Grande lavoro dei milanesi, stagista con la squadra dall'ultima Vuelta a Hungría.

 

Diego Pablo Sevilla è stato un altro dei corridori importanti della squadra, con una perseverante ricerca della fuga che non si è concretizzata. "Sono felice", dice il ragazzo di Madrid. "Le sensazioni sono state buone. Fin dall'inizio siamo andati al limite, abbiamo lottato per entrare nella fuga, ma non è stato possibile. Mi sono sentito bene. Nel circuito finale ho cercato di aiutare Oldani dando tutto quello che avevo".

 

"Sevilla è stata bravissimo, cercando di entrare nella fuga e poi, quando è stata formata, dando una mano a Oldani nel finale", elogia il direttore Jesus Hernández, dopo quella che è stata l'ultima gara della squadra continentale nella sua prima stagione. 

 

 

 

 

@IBdailyblog


16/09/2018
0 Poster un commentaire

Agostoni e Bernocchi, le due ultime corse 2018 della Polartec-Kometa

 

Sito ufficiale Polartec-Kometa

 

 

A differenza del calendario spagnolo, dove da alcuni anni e per una serie di fattori la stagione agonistica si conclude con la Vuelta a España, il calendario italiano è ricco di gare ciclistiche durante questo periodo e ha il suo momento chiave con lo storico Giro di Lombardia. Alcune corse sono sparite poi sono tornate, ma vari eventi si svolgono anno dopo anno in queste date e accumulano una grande, enorme tradizione. E tale è il caso degli imminenti impegni della Polartec-Kometa in Italia, che compete in due delle tre prove del Trittico lombardo.

 

 

CoppaAgostoni.jpg

 

La prima è la Coppa Agostoni - Giro delle Brianze, una gara che onora Ugo Agostoni, corridore di Lissone che fu professionista dal 1911 al 1924 e arrivò a vincere la Milano-Sanremo. La gara è stata creata nel 1946, anche se è professionale dal 1959. Partenza e arrivo a Lissone, vicino a Monza, questa manifestazione UCI Europa Tour presenta un percorso di 199,9 chilometri, e, nella sua parte centrale, quattro giri di un circuito di 24,5 chilometri, il circuito di Lissolo, dove ci sono le salite di Sirtori (457 m), Colle Brianza (537 m) e Lissolo (522 m). Dodici salite in totale che rafforza la competizione.

 

Miguel Ángel Ballesteros, Isaac Cantón, Awet Habtom, Wilson Peña, Michel Ries e Diego Pablo Sevilla sono i sei corridori scelti per partecipare all'Agostoni. Anche Matteo Moschetti sarà presente, anche se iscritto con la selezione italiana, la cui partecipazione a queste prove è solitamente l’occasione di prepare i Mondiali.

 

 

Coppa Bernocchi.jpg

 

L’albo d’oro è fondamentalmente italiano, ma nel 1963 a vincere fu lo spagnolo Jaume Alomar. Nel 2018 si disputa su un percorso di 198 chilometri e sei salite. Juan Camacho, Patrick Gamper, Michele Gazzoli, Matteo Moschetti, Stefano Oldani, Wilson Peña e Diego Pablo Sevilla parteciperanno a questo evento.

 

Jesús Hernández, il direttore sportivo : "Queste corse sono in linea con quello che abbiamo fatto con la presenza dei team WorldTour e Continental Professional. Dobbiamo essere protagonisti, cercare di entrare nelle fughe, perché forse non si può lottare per la vittoria dato il livello... Ma se c’è una possibilità di raggiungere il traguardo, dobbiamo essere nelle fughe. Stanno imparando e devono correre in modo serio  come hanno fatto a Valencia, in Aragona, in Haut Var... Ogni volta che ci sono squadre WorldTour, è l’occasione di imparare a correre con loro e avere presenza in gara. Per noi è molto importante che i ragazzi possano essere accanto a grandi squadre e corridori, anche se sono molto giovani, cercano di pedalare senza complessi e di essere protagonisti".

 

La Coppa Agostoni e la Copa Bernocchi saranno anche le ultime due prove della formazione continentale della Fondazione Alberto Contador nel suo primo anno di esistenza.

 

 

 

 

@IBdailyblog


12/09/2018
0 Poster un commentaire

5° tappa Hongrie : Volata e 2° posto per Matteo Moschetti, 24° posto per Stefano Oldani nella generale

39409502_1880743708638146_4623436129826242560_o.jpg

 

 

Una volata ha concluso il Tour de Hongrie questa domenica. Come ieri, a vincere è stato il tedesco Nikodemus Holler (Bike Aid). Il secondo è il giovane velocista della Polartec-Kometa, Matteo Moschetti. Il terzo è Kamil Malecki (CCC Sprandi Polkowice). La classifica generale è stata lei vinta da Manuel Belletti (Androni Gioccatoli - Sidermec). Il miglior Polartec-Kometa è lo stagista Stefano Oldani, 24° a 3:42.

 

Per la formazione spagnola il bilancio di questa settimana di corsa è ottimo. Sulla terra del loro sponsor Kometa, l'obiettivo era di essere protagonista e cercare la vittoria con Matteo. Tra le due fughe di Isaac Cantón e la vittoria di Matteo nella seconda tappa, la Polartec-Kometa è riuscita a dimostrare il suo valore, sotto gli occhi di Ivan, Alberto Contador e suo fratello Fran, che sono tutti e tre venuti in Ungheria per salutare e incoraggiare i loro ragazzi. 

 

 

 

- Classifica 5° tappa : 

 

1. HOLLER Nikodemus (Bike Aid) 2:46:48

2. MOSCHETTI Matteo (Polartec-Kometa) 

3. MALECKI Kamil (CCC Sprandi Polkowice)

4. MOZZATO Luca (Dimension Data for Qhubeka)

5. VIVIANI Attilio (Sangemini - MG.Kvis)

74. CANTÓN Isaac (Polartec-Kometa)

88. OLDANI Stefano (Polartec-Kometa) a 54s

89. CAMACHO Juan (Polartec-Kometa) a 54s

95. GAZZOLI Michele (Polartec-Kometa) a 1:47

97. SEVILLA Diego Pablo (Polartec-Kometa) a 2:11

 

 

- Classifica generale finale :

 

1. BELLETTI Manuel (Androni Giocattoli - Sidermec) 19:21:07

2. MALECKI Kamil (CCC Sprandi Polkowice) a 27s

3. TOTÒ Paolo (Sangemini - MG.KVIS) a 28s

4. SCHELLING Patrick (Vorarlberg Santic) a 31s

5. HOLLER Nikodemus (Bike Aid) a 45s

24. OLDANI Stefano (Polartec-Kometa) a 3:42

35. CAMACHO Juan (Polartec-Kometa) a 10:31

63. MOSCHETTI Matteo (Polartec-Kometa) a 17:49

99. GAZZOLI Michele (Polartec-Kometa) a 32:12

100. CANTÓN Isaac (Polartec-Kometa) a 32:23

102. SEVILLA Diego Pablo (Polartec-Kometa) a 36:40

 

 

 

 

@IBdailyblog


19/08/2018
0 Poster un commentaire

4° tappa Hongrie : La Polartec-Kometa protagonista con Isaac Cantón

39196752_1868262496595221_2533326433082671104_o.jpg

 

 

Questo sabato era la tappa regina del Tour de Hongrie con 182 km tra Karcag e Miskolc. La giornata è stata segnata da una fuga, partita al km 50. Tra i cinque presenti, il Polartec-Kometa, Isaac Cantón. Ma la decisione si è finalmente fatta con un gruppo ridotto a 15 corridori. Un volata vinta da Nikodemus Holler (Bike Aid), che ha battuto Manuel Belletti (Androni Giocattoli - Sidermec) e Kamil Malecki (CCC Sprandi Polkowice).

 

Il primo Polartec-Kometa è lo stagista, Stefano Oldani, 18° a 1:11. Ma il protagonista del giorno si chiama Isaac Cantòn. Lo spagnola racconta la sua fuga : "È un peccato. Ho pensato che potevamo farlo. Il miglior classificato nella generale era a dieci minuti e anche Androni era interessato da questa fuga. Il nostro vantaggio ha superato i cinque minuti, ma il Pannon si è messo a tirare in testa del gruppo e in soli dieci chilometri il nostro vantaggio si è ridotto. Ci hanno ripreso a due chilometri dall'inizio della salita. Stiamo dando tutto quello che abbiamo e sono personalmente felice. L'importante è combattere, essere visti. Sono molto stanco, ma domani sarà un'altra tappa, ci sono punti per la montagna in gioco e mentre c'è gara c'è una lotta".

 

 

- Classifica 4° tappa : 

 

1. HOLLER Nikodemus (Bike Aid) 4:08:44

2. BELLETTI Manuel (Androni Giocattoli - Sidermec) 

3. MALECKI Kamil (CCC Sprandi Polkowice)

4. TOTÒ Paolo (Sangemini - MG.Kvis)

5. VALTER Attila (Pannon Cycling Team)

18. OLDANI Stefano (Polartec-Kometa) a 1:11

42. BALLESTEROS Miguel Ángel (Polartec-Kometa) a 4:06

55. CAMACHO Juan (Polartec-Kometa) a 7:34

96. GAZZOLI Michele (Polartec-Kometa) a 15:05

115. CANTÓN Isaac (Polartec-Kometa) a 17:09

118. SEVILLA Diego Pablo (Polartec-Kometa) a 17:33

120. MOSCHETTl Matteo (Polartec-Kometa) a 17:34

 

 

- Classifica generale :

 

1. BELLETTI Manuel (Androni Giocattoli - Sidermec) 12:25:44

2. TOTÒ Paolo (Sangemini - MG.KVIS) a 30s

3. SCHELLING Patrick (Vorarlberg Santic) a 32s

4. MALECKI Kamil (CCC Sprandi Polkowice) a 36s

5. PLUCIŃSKI Leszek (CCC Sprandi Polkowice) a 51s

23. OLDANI Stefano (Polartec-Kometa) a 2:48

35. CAMACHO Juan (Polartec-Kometa) a 9:37

65. MOSCHETTI Matteo (Polartec-Kometa) a 17:55

112. GAZZOLI Michele (Polartec-Kometa) a 30:25

115. BALLESTEROS Miguel Ángel (Polartec-Kometa) a 30:48

119. CANTÓN Isaac (Polartec-Kometa) a 32:23

120. SEVILLA Diego Pablo (Polartec-Kometa) a 34:29

 

 

 

Profilo 5 ed ultima tappa :

 

Hongrie 5T.JPG

 

 

 

 

 

@IBdailyblog


18/08/2018
0 Poster un commentaire

3° tappa Hongrie : Un fuga vincente, un nono posto per Matteo Moschetti

38686746_284849305434065_160399346125242368_n(1).jpg

 

 

La terza tappa è stata una storia di velocista ? No, quella di Andrii Brataschuk e la sua perseveranza. Il corridore della Novak è partito in fuga con Daniel Dina (Pannon Cycling Team) e Martin Mahdar (Dukla Banska). Se Dina e Mahadar sono poi stati ripresi dal gruppo, Brataschuk è lui riuscito a resistere. Per due secondi ha battuto il vincitore della prima tappa, Manuel Belletti (Androni Giocattoli - Sidermec) e Ahmed Amine Galdoune (Kobanya).

 

Ieri la Polartec-Kometa alzava le braccia grazie a Matteo Moschetti, che oggi ha finito al 9° posto, sotto gli occhi di Alberto Contador, venuto a salutare la squadra e lo sponsor Kometa. Nella classifica generale, tutto resta aperto : Matteo è sempre secondo a 12s di Belletti.

 

 

- Classifica 3° tappa : 

 

1. BRATASCHUK Andrii (Team Novak) 4:31:04

2. BELLETTI Manuel (Androni Giocattoli - Sidermec) a 2s

3. GALDOUNE Ahmed Amine (Kobanya) a 2s

4. STALLAERT Joeri (Vorarlberg Santic) a 2s

5. MOZZATO Luca (Dimension Data for Qhubeka) a 2s

9. MOSCHETTI Matteo (Polartec-Kometa) a 2s

51. OLDANI Stefano (Polartec-Kometa) a 11s

97. CAMACHO Juan (Polartec-Kometa) a 37s

120. GAZZOLI Michele (Polartec-Kometa) a 4:19

121. CANTÓN Isaac (Polartec-Kometa) a 4:19

122. BALLESTEROS Miguel Ángel (Polartec-Kometa) a 7:51

123. SEVILLA Diego Pablo (Polartec-Kometa) a 7:51

 

 

- Classifica generale :

 

1. BELLETTI Manuel (Androni Giocattoli - Sidermec) 12:25:44

2. MOSCHETTI Matteo (Polartec-Kometa) a 12s

3. PLANET Charles (Novo Nordisk) a 21s

4. TOTÒ Paolo (Sangemini - MG.KVIS) a 21s

5. BERNAS Pawel (CCC Sprandi Polkowice) a 23s

26. OLDANI Stefano (Polartec-Kometa) a 1:28

30. CAMACHO Juan (Polartec-Kometa) a 1:54

112. CANTÓN Isaac (Polartec-Kometa) a 15:06

113. GAZZOLI Michele (Polartec-Kometa) a 15:11

116. SEVILLA Diego Pablo (Polartec-Kometa) a 16:47

122. BALLESTEROS Miguel Ángel (Polartec-Kometa) a 26:33

 

 

Profilo 4° tappa :

 

Hongrie 4T.JPG

 

 

 

 

 

@IBdailyblog


17/08/2018
0 Poster un commentaire

2° tappa Hongrie : Magnifica volata di Matteo Moschetti

TdH_d3_025.jpg

 

Come tutti i grandi non ama perdere, come tutti i grandi sa rialzarsi : Matteo Moschetti, secondo nella volata ieri, è stato imperiale oggi a Székesfehérvár. Una stupenda volata che gli permette di ottenere il suo nono successo della stagione (il decimo per la Polartec-Kometa). Nonostante diversi tentativi di fughe la tappe si è quindi decisa con gli uomini veloci. Dietro Matteo c’è il fratello di Elia Viviani, Attilio (Sangemini - MG.KVIS) e il vincitore della prima tappa, Manuel Belletti (Androni Giocattoli - Sidermec). 

 

Un felicissimo Matteo si è espresso dopo la corsa :"La tappa è stata molto dura, la prima parte della giornata è stata molto, molto veloce. Il lavoro dei miei compagni è stato eccezionale e grazie a loro ho potuto affrontare questo arrivo con garanzie. È una vittoria davvero importante per la mia squadra, per il nostro sponsor Kometa, per Giacomo Pedranzini... È una vittoria per tutti loro". 

 

Parla anche il direttore sportivo, Jesús Hernández : "Un grande sforzo di squadra, sono stati impressionanti. Sono tutti molto motivati ed è un piacere guidarli, perché danno il massimo. In questi giorni abbiamo cercato di far capire loro in modo costruttivo che una vittoria sarebbe molto importante per loro e per la squadra. E hanno risposto eccezionalmente bene alle ulteriori pressioni che abbiamo esercitato su di loro. Non si può più dire nulla di Matteo... c'è una ragione se è un corridore che sarà nel WorldTour l'anno prossimo".

 

 

- Classifica 2° tappa : 

 

1. MOSCHETTI Matteo (Polartec-Kometa) 4:14:07

2. VIVIANI Attilio (Sangemini - MG.Kvis)

3. BELLETTI Manuel (Androni Giocattoli - Sidermec) 

4. SISR Frantisek (CCC Sprandi Polkowice)

5. GALDOUNE Ahmed Amine (Kobanya)

23. OLDANI Stefano (Polartec-Kometa) 

90. CAMACHO Juan (Polartec-Kometa) a 19s

100. CANTÓN Isaac (Polartec-Kometa) a 33s

105. GAZZOLI Michele (Polartec-Kometa) a 1:01

108. SEVILLA Diego Pablo (Polartec-Kometa) a 1:22

118. BALLESTEROS Miguel Ángel (Polartec-Kometa) a 5:18

 

 

- Classifica generale :

 

1. BELLETTI Manuel (Androni Giocattoli - Sidermec) 7:54:44

2. MOSCHETTI Matteo (Polartec-Kometa) a 06s

3. PLANET Charles (Novo Nordisk) a 13s

4. KUEN Maximilian (My Bike - Stevens) a 15s

5. FRIESECKE Gian (Vorarlberg Santic) a 162s

26. CAMACHO Juan (Polartec-Kometa) a 1:13

27. OLDANI Stefano (Polartec-Kometa) a 1:13

76. SEVILLA Diego Pablo (Polartec-Kometa) a 8:52

98. CANTÓN Isaac (Polartec-Kometa) a 10:43

101. GAZZOLI Michele (Polartec-Kometa) a 10:48

120. BALLESTEROS Miguel Ángel (Polartec-Kometa) a 18:38

 

 

Profilo 3° tappa : 

 

prg_3szakasz.png

 

 

 

 

 

@IBdailyblog


16/08/2018
0 Poster un commentaire

Quattro Polartec-Kometa al Tour de l'Avenir

Avenir.jpg

 

Sito ufficiale Polartec-Kometa

 

Questo venerdì inizia una nuova edizione del Tour de l’Avenir, il Tour de France per i più giovani, dove quattro corridori della squadra Polartec-Kometa saranno presenti con le loro rispettive squadre nazionali. L'andaluso Juan Pedro López, che debutta con la nazionale spagnola, il lussemburghese Michel Ries, l'austriaco Patrick Gamper e l'olandese Kevin Inkelaar si sfideranno sulle strade francesi nei prossimi giorni.

 

Ries arriva all'evento francese dopo aver iniziato il suo periodo da stagista con il Trek-Segafredo nel recente Giro dello Utah, dove ha concluso al ventinovesimo posto e al nono nella classifica giovanile : "La mia forma è buona dopo il Tour dello Utah di questa settimana. Ho lavorato duramente per la squadra, ma potrei essere ammissibile per alcuni buoni risultati. Sono arrivato in Europa da martedì, quindi ho solo qualche giorno per recuperare dal jetlag, l'altitudine e dagli sforzi della gara americana, visto che il Tour de l’Avenir inizia venerdì. Spero di poter fare una buona classifica generale in questi dieci giorni in Francia. L'anno scorso sono arrivato diciannovesimo in questa gara nel mio primo anno come corridore U23, quindi sono molto motivato a fare ancora meglio quest'anno e a raggiungere una buona classifica finale", ha detto il lussemburghese, che ha fatto un brillante top ten nella scorsa edizione del Giro Baby.

 

Patrick Gamper, da parte sua, arriva sulla grande tappa del percorso U23 dopo un'eccezionale performance nella Vuelta a Burgos con la Polartec-Kometa. Gamper torna in una gara in cui ha preso il comando per due giorni nel 2017 e accarezzato il successo ad Ambroise, dove è arrivato secondo. "Burgos è stata una grande esperienza dopo un periodo dove avevo gareggiato poco con la mia squadra. Penso che la Vuelta a Burgos sia stata perfetta per noi, grazie alla vittoria di Matteo Moschetti e alla squadra che è stata una grande protagonista della gara. Sono in buona forma in questo momento e sono pronto a fare una corsa attiva e ad aiutare i miei compagni".

 

Juan Pedro López, un grande scalatore, sarà uno dei punti di forza della nazionale spagnola con una corsa che vivrà il suo momento chiave  nel Col du Glandon (a Sant-Colomban-des-Villards) dopo quattro giorni finali con tanta montagna e su brevi percorsi. La prima tappa a Méribel  farà meno di 40 km. L'ultimo giorno sarà la tappa regina : un passaggio attraverso il Col de l’Iseran (2764 metri), una lunga discesa, la salita verso l'impegnativo Chaussy e l'arrivo a Sant-Colomban.

 

Il sivigliano ha recuperato dalla sua recente caduta a Burgos. E ha tanta motivazione, anche perché è la sua prima corsa  con la squadra nazionale. "Non vedo l'ora di farla bene. Non sono mai stato con la nazionale ed è una cosa molto bella per me. Inoltre, al mio debutto nella migliore gara under 23 del mondo... Penso di essere in buona forma nonostante la brutta caduta di Burgos. Ma questo è già dimenticato. Ora è il momento di fare bene e, soprattutto, godersi la gara", ha detto López.

 

"Non vedo l'ora di correre", dice Kevin Inkelaar dai Paesi Bassi, secondo quest'anno al Giro d'Aosta. "Sono molto motivato e spero di fare molto bene, perché è una gara molto importante e voglio essere davanti".

 

 

 

 

@IBdailyblog


16/08/2018
0 Poster un commentaire