www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

Squadra

 


Antonio Puppio, tra esperienza e ambizioni

AntonioPuppio2020.jpg

 

 

Sito ufficiale Kometa-Xstra Cycling Team

 

 

La stagione 2020 sarà la seconda nel gruppo pro per Antonio Puppio. Il ciclista italiano (Samarate, 28 aprile 1999) è un ragazzo tranquillo e di buon carattere che in un solo anno si è guadagnato l'affetto e il rispetto di tutti i suoi colleghi grazie alle sue grandi qualità umane e al suo lavoro nelle corse. È molto potente, un ottimo corridore, ed è nella disciplina contro il tempo che si esprime al meglio. Puppio ha ottenuto il titolo nazionale e il bronzo mondiale nella categoria junior. Nel 2019 ha anche mostrato un'interessante velocità di punta, con il suo quarto posto nella prima tappa della Vuelta a Aragón. Dario Andriotto, secondo direttore sportivo della Kometa-Xstra, lo aveva già detto quando Antonio aveva firmato per la formazione continentale della Fondazione Alberto Contador : "Quando ci sono volate ristrette, Puppio può fare un buon piazzamento".

 

"Tra pochi giorni inizierà quello che sarà il mio secondo anno nella categoria continentale e la prima cosa che voglio fare è ringraziare tutti gli sponsor della Fondazione Alberto Contador e tutti i membri dello staff e il loro lavoro per averci permesso di continuare a crescere e migliorare ogni anno. La lettura per il 2019 è senza dubbio molto buona, sono stato in grado di competere in gare di alto livello e ho potuto accumulare molta esperienza che quest'anno sarà un valore aggiunto; sono sicuro che sarà fondamentale per tutte le gare che faremo", dice il corridore di Samarate. "Ho vissuto ottimi momenti, ma senza dubbio le mie migliori performance sono state alla Vuelta a Aragón, al Giro d'Ungheria e al Giro della Valle d'Aosta".

 

In questi due anni diversi ciclisti che hanno corso per la squadra continentale hanno già fatto il salto sia nella categoria WorldTour che nella categoria Continentale Pro, e questo rafforza la percezione della squadra come trampolino di lancio imbattibile per l'élite di questo sport. "È chiaro che le grandi squadre, osservano il lavoro fatto nelle squadre continentali", dice Puppio, "La categoria continentale, per i giovani, permette una transizione verso l'alto livello. Ma i risultati di tutto questo lavoro e la presenza di Alberto Contador e Ivan Basso generano indubbiamente una maggiore attenzione attorno alla Kometa-Xstra".

 

Come Antonio Puppio vede la squadra quest'anno, con l'arrivo di sette nuovi corridori ? "La squadra è cambiata molto, sì, ma ha ancora un profilo molto giovane. Siamo di varie nazionalità ma abbiamo più o meno la stessa età. Il legame tra di noi sarà molto importante e lo spirito di squadra sarà fondamentale. Ognuno di noi avrà la possibilità di fare bene".

 

Grande tifoso del ciclista svizzero Fabian Cancellara e amante della Milano-Sanremo, Puppio affronta la stagione 2020 con molta ambizione, avendo per ora smesso gli studi per concentrarsi esclusivamente sul ciclismo : "Non è mai facile combinare le due ed è arrivato il momento in cui ho dovuto pensare a come affrontare i miei studi. La cosa migliore era smettere temporaneamente; non lasciarli per sempre, ma fare una pausa. E ho deciso di concentrarmi sulla bici. Voglio vedere che tipo di ciclista posso diventare. A questo punto della mia vita la mia priorità ora è provare a raggiungere il massimo in questo sport. Per tredici anni della mia vita gli studi sono stati una priorità, ma dopo aver iniziato gli studi di matematica ho deciso di smettere provvisoriamente. Li riprenderò più tardi".

 

I giorni prima dell'inizio del secondo ritiro della Kometa-Xstra Cycling Team, a Oliva Nova Beach & Golf Resort, Puppio ha lasciato la Spagna ed è tornato in Italia per le questioni burocratiche come il rinnovo della sua licenza. Ma eccetto questa pausa, tra il precedente ritiro e l'attuale, Puppio è rimasto nella Comunitat Valenciana, in particolare a Jávea. "Mi sono allenato molto bene qui. Sono anche riuscito a far venire la mia famiglia per Natale e Capodanno. È stato molto bello. Si sono divertiti molto, ho lavorato molto bene. Ho ricaricato le batterie e non vedo l'ora di debuttare al Challenge di Mallorca".

 

Nel 2019, ha trascorso molto tempo lontano da casa, tra gli impegni con la Kometa e la squadra Nazionale. Quando è arrivata la stagione delle vacanze, non ha esitato a trascorrerla a casa con la sua famiglia. Niente spiaggia o destinazioni esotiche. "Dopo tanti giorni lontani da casa, il mio corpo aveva bisogno di riposo e casa mia è il posto che preferisco al mondo, ho passato lì le vacanze". 

 

 

 

 

@IBdailyblog


20/01/2020
0 Poster un commentaire

Teaser presentazione Kometa-Xstra Cycling Team

 

 

Appuntamento il 27 gennaio 2020 per la presentazione della Kometa-Xstra Cycling Team.

 

See you on January 27, 2020 for the presentation of the Kometa-Xstra Cycling Cycling team.

 

Nos vemos el 27 de enero para la presentación de Kometa-Xstra Cycling Team.

 

 

 

 

@IBdailyblog


19/01/2020
0 Poster un commentaire

Juan Camacho si ritira dal ciclismo professionistico per problemi al ginocchio destro

ca9b9068-c66a-4dc0-a829-e696fe6e52e5-1200x900.jpg

 

 

Il ciclista Juan Camacho del Fresno ha confermato questo venerdì il suo ritiro dal ciclismo professionistico poche settimane prima l'inizio ufficiale della stagione 2020. Il ciclista della Kometa-Xstra Cycling Team ha preso questa decisione a causa di ricorrenti problemi fisici al ginocchio destro che gli impediscono di allenarsi normalmente. Camacho, che stava affrontando la sua terza stagione nella formazione continentale della Fondazione Alberto Contador, era diventato il membro più anziano della squadra.

 

"Non è una decisione facile da prendere, ma già la scorsa stagione ho avuto alcuni problemi al ginocchio. Solo nella seconda parte della scorsa stagione ho iniziato a sentirmi meglio, ma il disagio non è mai andato via del tutto. Non posso dare il massimo in bici, a volte i dolori erano difficili da sopportare e questo è qualcosa che alla fine ti logora psicologicamente. Ho pensato che entro il 2020 sarei stato in grado di riprendermi definitivamente, ma a fine novembre ho avuto di nuovo qualche disagio mentre ero ad Alicante. Sono molto grato alla Fondazione Alberto Contador e a Fran Contador per il sostegno che ho ricevuto in questo periodo. Avrei voluto ripagare la fiducia, sulla strada, con vittorie ", spiega Camacho.

 

Ha avuto una forte infiammazione, curata nel centro Premium Madrid, proprio all'inizio del primo ritiro invernale, a metà dicembre, che gli ha impedito di affrontarlo con il resto dei suoi compagni. Già a quel tempo aveva valutato seriamente di smettere. Una decisione che è stata presa alcuni giorni prima la presentazione ufficiale all'Oliva Nova Beach & Golf Resort.

 

Félix García Casas, manager sportivo delle squadra della Fondazione Alberto Contador : "Il ciclismo perde un corridore eccezionale, un ciclista che ha sempre dato il massiomo per i suoi compagni e per la sua squadra. Il mentale è importante quanto una buona condizione fisica, entrambe sono correlate. E di più in uno sport impegnativo come il nostro. Juan si è comportato francamente e onestamente, ci ha sempre reso partecipi delle sue preoccupazioni e delle sue evoluzioni fisiche. È un vero peccato non averlo più con noi. Gli auguriamo il meglio".

 

Francisco Javier Contador, direttore generale delle squadre della Fondazione Alberto Contador: "Juan è un ragazzo meraviglioso, una persona affascinante, onesta. Corre con noi da diversi anni ed è sempre stato un grande professionista. È un corridore molto apprezzato da tutti i suoi compagni e dallo staff. Per questo siamo profondamente dispiaciuti che abbia preso questa decisione e spero che avrà un bel futuro. Juan ha riflesso molto, non è una decisione facile da prendere e dobbiamo rispettarla. La Fondazione sarà sempre la sua casa".

 

Nelle sue due stagioni nel gruppo professionale Juan Camacho ha firmato un quarto posto nella seconda tappa del Tour de Normandie 2018, un quinto nel Tour Internazionale di Rhodes, sempre nel 2018, poi una decima posizione nella seconda tappa del Tour Antalya 2019 e l'undicesimo posto, sia nella corsa su strada che nella cronometro, del Campionato Spagnolo di Murcia. Nel 2018, inoltre, è stato uno dei grandi protagonisti dei successi di Matteo Moschetti. In queste due stagioni nella continentale della Fondazione Alberto Contador, Camacho ha affrontato 89 giorni di competizione per un totale di 12.836 chilometri.

 

"Juan è stato uno dei migliori corridori che ho diretto in questi due anni e mi dispiace molto che non possa continuare a far parte del gruppo con noi. In due stagioni non ha dato il minimo problema. È un ragazzo molto discreto, molto calmo, che ha sempre mantenuto un ottimo rapporto con i suoi compagni e con i membri della squadra. Un ragazzo educato e tranquillo con una grande famiglia, che ha sempre fatto il suo lavoro e ha sempre dato tutto sulla bici. Molti dei successi di Moschetti hanno alle spalle una parte importante del lavoro di Juan," afferma Jesús Hernández, il suo direttore sportivo nella formazione continentale della Fondazione Alberto Contador nelle ultime due stagioni.

 

 

 

 

@IBdailyblog


17/01/2020
0 Poster un commentaire

Il 27 gennaio, presentazione delle squadre Kometa-Xstra Cycling Team a Oliva Nova Beach & Golf Resort

Presentazione Kometa-Xstra 2020.jpg

Sito ufficiale Kometa-Xstra Cycling Team

 

 

Nell'incomparabile cornice di Oliva Nova Beach & Golf Resort, come nel 2019, la Kometa-Xstra Cycling Team presenterà le sue squadre per la stagione 2020. La data, lunedì 27 gennaio, tre giorni prima della prima gara di una squadra continentale che quest'anno inizierà la sua campagna al Challenge di Maiorca. Il luogo, il Salón Gran Centelles dell'Hotel Oliva Nova (Avinguda Dalí, 4; Oliva, Valencia).

  

La presentazione sarà il tocco finale del ritiro che accoglierà le strutture sportive della Fondazione Alberto Contador qualche giorno prima. La Kometa-Xstra Cycling Team sarà a Oliva Nova dal 18 gennaio, l'U23 lo sarà da mercoledì 22 e la squadra giovanile arriverà il venerdì 24.

 

Per confermare la vostra presenza o per richieste di informazioni potete contattare il team : prensa@fundacioncontadorteam.com

 

Oliva Nova Beach & Golf Resort è la destinazione perfetta per qualsiasi periodo dell'anno. Situata nel sud della provincia di Valencia, tra le città di Gandía e Dénia, Oliva Nova è uno dei più importanti complessi turistici della Comunità Valenciana dagli anni 90. Proprio nel mezzo del Mediterraneo, si trova in un ambiente naturale privilegiato che combina mare, sole e montagna con un mondo di possibilità per il tempo libero all'interno del resort. Nel mezzo dell'epicentro del Mediterraneo, si trova in un ambiente naturale privilegiato che combina mare, sole e montagna con un mondo di possibilità per il tempo libero all'interno dell’hotel. 

 

In breve, Oliva Nova è una località di villeggiatura con una vasta gamma di alloggi, da un  Hotel **** a ville e appartamenti in affitto intorno al campo da golf e alla nuova zona residenziale di Las Dunas. Inoltre, dispone di strutture sportive complete : quattro campi in erba naturale, campi da tennis e paddle tennis, un campo da golf a 18 buche progettato da Severiano Ballesteros, una palestra, un centro benessere e un centro ippico ad alte prestazioni, dove si svolge uno dei più importanti campionati di salto ostacoli del Mediterraneo : il Mediterranean Equestrian Tour.

 

 

 

 

@IBdailyblog


03/01/2020
0 Poster un commentaire

Gobik presenta la nuova maglia della Kometa-Xstra Cycling Team per la stagione 2020

Kometa-Xstra Nuova Maglia.jpg

 

 Sito ufficiale Kometa-Xstra Cycling Team

 

 

La società murciana Gobik presenta il nuovo kit con cui la Kometa-Xstra Cycling Team gareggerà quest'anno. Il design presenta il bianco e il nero come colori principali, anche se in alcune zone sono scambiati rispetto ai vestiti del 2019.

 

Nel kit, l'azienda alimentare Kometa con la sua campagna Honest Food e la società di prodotti tecnologici Xstra Digital Storage, hanno la più grande presenza sia sul petto che sulla schiena, anche sui lati e sulle maniche. Uvet Group appare sia nella parte anteriore che posteriore di un vestito in cui, nella linea di quest'anno, hanno anche il loro spazio Skoda, Pedranzini o Gobik. Luke Air è incorporato nei pantaloncini.

 

In appena cinque anni, Gobik è diventata una delle aziende di riferimento nel settore tessile legata al ciclismo, grazie al suo fermo impegno nel design e nel servizio clienti. Il rapporto tra Gobik e la Fondazione Alberto Contador è iniziato nel 2019 e si estende anche alla figura di Alberto Contador, ambasciatore globale del marchio nel mondo.

 

"Amavamo già molto il kit da competizione della scorsa stagione. Per questo 2020 abbiamo perfezionato la nostra maglia Invincible, oltre a dare nuovi e diversi tocchi di colori, mantenendo sempre l'identità della squadra", afferma Alberto García, CEO di Gobik.

 

"È uno degli aspetti è cambiato di più nel ciclismo in questi dieci o quindici anni nell'industria tessile che lo supporta. Quel momento in cui le squadre presentano i loro nuovi kit per la stagione successiva è sempre più seguito. È un momento atteso. Ed è anche un grande momento per dare ancora più visibilità agli sponsor che rendono possibile un progetto sportivo", afferma Fran Contador, direttore generale delle squadre della Fondazione Alberto Contador.

 

"Alla Fondazione Alberto Contador, nella nuova Kometa-Xstra Cycling Team, siamo molto fortunati ad avere il sostegno di una delle più importanti aziende del settore. Gobik è un leader. Ed è così per i suoi disegni, tanto originali quanto estetici, ma anche per la qualità di tutti i suoi prodotti. Affidarsi al lavoro di Gobik è una garanzia di successo. E ovviamente il kit 2020 ne è un buon esempio. È davvero bellissimo", conclude.

 

 

 

 

@IBdailyblog

 


02/01/2020
0 Poster un commentaire

Once upon a time 2019

 

 

 

Riviviamo tutte le emozioni del 2019 con la Kometa Cycling Team

 

Relive all the emotions of 2019 with the Kometa Cycling Team

 

 

 

 

@IBdailyblog

 


28/12/2019
0 Poster un commentaire

L'italiano Riccardo Verza settima e ultima firma della Kometa-Xstra per la stagione 2020

Verza.jpg
 
 
Sito ufficiale Kometa Cycling Team
 
 
Per il terzo anno del progetto della Fondazione Alberto Contador, la formazione continentale ha definitivamente completato la sua squadra per la prossima stagione. L'italiano Riccardo Verza diventa la settima e ultima firma della futura Kometa-Xstra, attuale Kometa Cycling Team. Verza (22 agosto 1997) viene da Zalf-Euromobil, con cui ha partecipato all'ultima edizione del Giro d'Italia U23. Una vittoria nel Circuito del Compitese di Capannori e due secondi posti nella Coppa Varignana dell'Osteria Grande e nel GP Somma Lombardo, tra le sue prestazioni più importanti di questa stagione.
 
"Sono un corridore che, essendo in forma, può esprimersi su qualsiasi tipo di terreno. Vorrei poter essere un ciclista utile per la squadra", spiega Verza che conosce molto bene la Kometa Cycling Team. "Sono un grande amico di Stefano Oldani, che quest'anno è stato nella squadra. Mi ha parlato molto della squadra. So che quest'anno avrò l'opportunità di crescere molto come ciclista. È una buona squadra e naturalmente è un grande onore farne parte".
 
"Non sono stato un ciclista molto vincente nelle categorie inferiori. Solo da giovane corridore mi sono distinto di più in termini di vittorie e sono stato chiamato dall'Italia a gareggiare in due edizioni dei campionati del mondo, a Ponferrada 2014 e a Richmond 2015", continua un corridore che in quegli anni ha vinto qualche titolo in Veneto. "La verità è che è stato difficile per me adattarsi al cambio di categoria e solo quest'anno alla Zalf sono riuscito a tornare ad un certo livello".
 
Per Verza, il ciclismo non è un'attività sconosciuta. "Ho iniziato a pedalare grazie a mio padre. Era un professionista negli anni Ottanta e ha seminato questa voglia in me", ricorda. Suo padre è Fabrizio Verza, attivo tra il 1982 e il 1985 in squadre come Gis Gelati-Ecoflam o Bianchi Piaggio; la sua carriera si è conclusa bruscamente a causa di un incidente subito durante l'allenamento contro un camion.
 
Interrogato dalla gara ciclistica che vorrebbe vincere, il nuovo ciclista della Kometa-Xstra non esitan: "La mia gara preferita è la Milano-Sanremo. È senza dubbio una delle gare più importanti al mondo e per me, come italiano, vincere a Sanremo è una delle cose più importanti che possono accadere in una gara pro".
 
Verza è il tredicesimo ed ultimo corridore a formare la squadra Kometa-Xstra nel 2020. L'italiano arriva alla struttura diretta da Jesús Hernández e Dario Andriotto insieme ai suoi connazionali Giacomo Garavaglia e Alessandro Fancellu, il danese Mathias Larsen, l'ungherese Erik Fetter e gli spagnoli Sergio García e Alejandro Ropero. I sette nuovi volti si uniscono in una squadra che comprende l'italiano Antonio Puppio, l'ungherese Márton Dina, il portoghese Daniel Viegas e gli spagnoli Juan Camacho, José Antonio García e Diego Pablo Sevilla.
 
La nuova stagione della squadra inizierà a metà novembre con una prima riunione dello staff e dei corridori a Pinto, Madrid. Alcuni giorni tutti insieme che si svilupperanno il prossimo 11 e 12 novembre.
 
 
 
 
@IBdailyblog
 

30/10/2019
0 Poster un commentaire