www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

Arturo Grávalos e Eduardo Pérez-Landaluce correranno come stagisti con la Kometa-Xstra

Stagisti.jpg

 

 

Arturo Grávalos e Eduardo Pérez-Landaluce sono i nuovi stagisti della Kometa-Xstra Cycling Team  I due corridori della squadra U23, entrambi di 22 anni, sono stati scelti per gareggiare in alcune gare con la formazione continentale diretta da Jesús Hernández e Dario Andriotto fino alla fine della stagione.

 

Grávalos (2 marzo 1998), che sta affrontando il suo secondo anno all'interno della formazione della Fondazione Alberto Contador, ha avuto una grande stagione 2019, tra cui una medaglia d'argento ai Nazionali di Murcia, che si è conclusa prima del previsto a seguito di lesioni alla mano sinistra a causa di un incidente stradale da cui, dopo aver subito un intervento chirurgico e aver affrontato la riabilitazione, è ora completamente guarito.

 

"Quando Rafa e Carlos me ne hanno parlato, visto che scherzano spesso, ho pensato che mi prendessero in giro. Ma no. È stata una gioia immensa, e ancora di più dopo l'infortunio. È una grande opportunità che devo sfruttare al meglio. Fortunatamente l'incidente è alle spalle, ma all'inizio i medici mi hanno detto di non pensare alle corse e ad un certo punto ho pensato che avrei dovuto rinunciare alla bici. Ma ho lavorato molto. E nella squadra continentale conosciamo le persone e abbiamo corso con alcune di loro. Ho dei buoni amici, come Alejandro Ropero, Sergio García, Alessandro Fancellu o Diego Pablo Sevilla, con cui mi sono allenato, è un ragazzo molto simpatico", ha detto Arturo. 

 

Pérez-Landaluce (1° maggio 1998), che qualche stagione fa aveva già fatto parte della squadra junior della Fondazione, è tornato nel 2019 per gareggiare nella u23 diretta da Rafa Díaz Justo. "Sono molto felice per questa opportunità. Sono molto grato a Rafa Díaz Justo, Carlos Barredo e Fran Contador, e a tutti i miei compagni di squadra perché anche questo è qualcosa che appartiene a loro. In un anno così insolito, notizie come questa sono una motivazione, danno il desiderio di continuare a lavorare e a fare bene. Alla fine, un'opportunità come questa significa che si fidano di te. Non vedo l'ora di aiutare la squadra e di fare tutto ciò che sia Gesù che Dario mi dicono di fare", ha detto Eduardo.

 

"C'i sono corridori che si comportano molto bene nella categoria professionale, meglio che in quella amatoriale. Questo è dovuto alla loro fisiologia. Sergio García, con le sue performance nella Vuelta a Murcia o nel recente Circuito del Getxo, ne è un buon esempio. Con Arturo e con Edu potrebbe essere anche così. Entrambi sono grandi corridori di lunga distanza, che lavorano molto bene fin dalla quarta ora di gara. Un grosso problema della categoria u23 è che spesso le gare sono brevi". spiega Rafa Díaz Justo, direttore sportivo della Kometa-Xstra Cycling Team u23.

 

A proposito di Arturo, Rafa dice: "Fino al suo incidente di inizio estate nel 2019, Arturo era in grande forma. Ha fatto un buon Giro, nonostante la durezza, e durante tutta la gara ci ha dimostrato di essere quel tipo di corridore che è un cacciatore di tappe nei grandi giri. Grávalos è un grande corridore, con un grande motore, in alta montagna può migliorare molto. Dopo il Giro e il secondo posto in nazionale ha avuto un incidente ed è stato fermato per sei mesi. Lo abbiamo tranquillizzato, perché aveva preso molto peso, e prima della clausura aveva un buon livello. È un ciclista obbediente, per niente egoista, un ottimo compagno e soprattutto è coraggioso".

 

Per quanto riguarda Pérez-Landaluce Díaz Justo aggiunge: "È un profilo molto simile a quello di Arturo, anche con molto motore ed esperienza nella squadra junior della Fondazione. È anche più prudente di Grávalos, dobbiamo incoraggiarlo ad avventurarsi in certe situazioni di gara. È un ragazzo molto bravo, ha un fisico praticamente da professionista. Edu lavora molto bene nelle gare lunghe e difficili, perché queste sono le sue condizioni fisiche. Ma in gare più brevi e più esplosive, non è esattamente a suo agio. Ma un po' più di peso gli permetterebbe di distinguersi di più, perché anche le gambe hanno più forza. Pensiamo che potrebbe essere quel grande gregario per la montagna".

 

Da quando è nata la struttura continentale della Fondazione Alberto Contador, ci sono stati quattro stagisti della Fondazione: lo spagnolo Alejandro Ropero e l'italiano Stefano Oldani nel 2018; e gli ungheresi Karl Adam e Vas Balazs nel 2019.

 

 

 

 

@IBdailyblog



10/08/2020
0 Poster un commentaire

A découvrir aussi


Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour

Rejoignez les 33 autres membres