www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

Dallo Stelvio a Cancano: la tana di Basso-Contador

GiroVirtualeGazza.jpg

 

 

Articolo di Luca Gialanella, Gazzetta Dello Sport

 

 

Giro Virtual sui rulli: in Valtellina, base del team dei campioni, gli ultimi 30 km della tappa regina. È corsa rosa show.

 

Ci sono luoghi dove torni sempre. Puoi inventarti mille novità, ma quando arrivi in Valtellina e alzi la testa al cielo, eccoli lì, i giganti. Sono oltre le nuvole, e ti sfidano. Lo Stelvio, la strada voluta dall’imperatore Francesco II d’Asburgo per collegare la Val Venosta a Milano attraverso la Valtellina.

 

Tre anni di lavori, dal 1822 al 1825, per far passare le diligenze ai 2758 metri del valico. Qui nel 1953 Fausto Coppi, nella Bolzano-Bormio, proprio nello stesso senso dei carri, spodestò Koblet per una delle imprese più grandi, e si vestì con la quinta rosa. Lungo lo Stelvio, l’anno scorso c’erano 12mila biciclette nella giornata dedicata ai Passi chiusi al traffico: appuntamento che anche stavolta, in estate, è pronto a richiamare gli appassionati, con tutte le misure sanitarie possibili. C’è il Passo Gavia, che dal 1960, dall’impresa di Massignan dal versante di Ponte di Legno, ruba il sonno ai corridori. C’è il Mortirolo che, giusto trent’anni fa, il 3 giugno 1990, è entrato nella storia della corsa rosa.

 

E campioni tra campioni, qui in Valtellina c’è la base della Kometa-Xstra, la formazione Continental di Alberto Contador e Ivan Basso. Simbolo di legame con il territorio, progetto di un nuovo ciclismo, che parte dai professionisti e arriva ai giovani: 38 corridori (14 Continental, 11 Under 23 e 13 juniores) più 22 dipendenti. Anche sociale, con la Fondazione Contador.

 

Ivan Basso è valtellinese da parte di madre, mamma Nives era di Bianzone. "Tutta la mia infanzia l’ho fatta in Valtellina con i nonni. Qui ho iniziato a pedalare, a 8 anni ho scalato l’Aprica e poi lo Stelvio. Qui sono passato in rosa nel 2006 sul Mortirolo, qui l’ho rimesso la rosa all’Aprica nel 2010".

 

Il Giro Virtual fa tappa in Valtellina, la terra delle leggende. È la quinta giornata. Da ieri tutti, anche i cicloamatori, possono pedalare sugli ultimi 30 km della tappa regina del Giro: 28 maggio, lo Stelvio da Trafoi e poi l’inedito traguardo ai Laghi di Cancano, 5400 metri di dislivello. Sui rulli, da casa, si inizia a pedalare in discesa dallo Stelvio, prima delle gallerie, si sfiora Bormio e subito in salita verso Valdidentro. La strada si avvita sulla montagna come un serpente: l’arrivo davanti alle due dighe che forniscono gran parte dell’energia elettrica a Milano.

 

 

- Basso, che tappa è?

 

Sono di parte, ma è la tappa più bella del Giro. Lo Stelvio negli ultimi 40 km vuol dire che non hai recupero. A tre giornate dalla fine, qui si sarebbe deciso il Giro: Cancano non è una salita impossibile, sono 9 km al 7% medio, ma nelle gambe hai lo Stelvio dal versante più duro.

 

 

- Come prosegue l’attività della sua squadra Kometa?

 

Questa è una terra legata alla bicicletta, e con le e-bike si fanno più presenze che con gli sciatori. La bicicletta è un valore aggiunto enorme per la Valtellina, ha cambiato il modo di intendere il turismo, penso soltanto alle giornate in cui vengono chiusi i tre Passi (Stelvio, Gavia e Mortirolo, ndr), oppure al Contador day. Noi abbiamo qui la nostra base. Un legame che non è solo di sponsor, ma di territorio, di emozioni: io e Contador siamo legatissimi a questa terra.

 

 

- Il ciclismo è fermo, non si sa quando si ripartirà, e le prospettive quali sono?

La Kometa ha già confermato l’appoggio. E io credo che dalle grandi crisi possano nascere grandi opportunità. Quando vado a parlare con le aziende, vedo che c’è sempre un grandissimo interesse per il ciclismo. E sono aziende nuove, che credono in questo sport. Sta a noi manager far capire che il ciclismo non è solo agonismo ma uno straordinario investimento di marketing e pubblicità, e trovare le formule giuste.

 

 

 

 

@IBdailyblog



03/05/2020
0 Poster un commentaire

Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour

Rejoignez les 34 autres membres