Esperienze in terra belga - Ivan Basso Daily Blog

www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

Esperienze in terra belga

IMG-20180406-WA0016-1200x900.jpg

 

 

Sito ufficiale Polartec-Kometa

 

 

Sei corridori della Polartec-Kometa continentale hanno gareggiato lo scorso fine settimana al Giro della Fiandre U23, in rappresentanza dei rispettivi paesi, corsa della Coppa delle Nazioni, promossa dall'Unione ciclistica internazionale dal 2007. Matteo Moschetti e Michele Gazzoli, con l'Italia. Patrick Gamper, per l'Austria. Michael Ries, per i Paesi Bassi. E Isaac Cantón e Diego Pablo Sevilla, per la Spagna. Cantón, 38°, è stato il migliore della Nazionale spagnola, anche se all'interno della squadra questo onore è andato a Gamper, 32°. 

 

"Quello che mi è piaciuto di più sono stati il livello e l'atmosfera di questa gara. Il percorso è davvero bello", spiega un Cantón che, insieme a Sevilla, ha poi fatto un lunghissimo viaggio in macchina dal Belgio per competere il giorno dopo nella Klasika Primavera Amorebieta. "Avere l'opportunità di percorrere tratti così mitici nel mondo del ciclismo è qualcosa di magnifico", ha detto Sevilla. "È una gara veloce, dura e selettiva, non solo sui muri, ma anche sulle pietre", aggiunge.

 

A differenza di Cantón, Sevilla non ha potuto finire la gara. "Sfortuna", si lamenta, "avevamo superato i muri più complicati, l'Oude Kwaremont e il Paterberg. Ero in buona posizione, a metà strada davanti al gruppo, ma in una curva un altro corridore è arrivato e mi ha sorpassato. Mi sono alzato il più velocemente possibile, ma ho avuto un problema con la catena, mi ci è voluto un po’ di tempo per tornare in pista e la caccia è diventata impossibile".

 

"È la prima volta che partecipo a questa corsa", dice Cantón. "Due settimane fa ho gareggiato a Gand-Wevelgem e ora nelle Fiandre. E su queste due corse sono stato molto bravo. Penso che sia bello correre questo tipo di gara. E mi sto anche rendendo conto che, essendo molto difficile, non sono male.  Nella mia seconda gara ero a pochi minuti dal gruppo di testa. È un'esperienza che mi aiuterà a costruire la fiducia per le gare future, sia classiche che a tappe", ha aggiunto Isaac, che ha una preferenza per le corse a tappe.

 

Dopo la gara, Canton e Sevilla hanno iniziato il loro viaggio verso la Spagna, dove hanno gareggiato il giorno seguente, ma hanno perso il primo volo e sono stati costretti ad affrontare un lunghissimo viaggio in macchina con un veicolo RFEC in cui il massaggiatore e il meccanico della squadra nazionale, Cristian Fernández e Iván Moya, si sono alternati alla guida. "La verità è che quando si viaggia di notte, anche se non si dorme bene, è molto più piacevole.  Ma avevamo circa 1.200 chilometri davanti a noi ed eravamo in ritardo. Non abbiamo avuto molto tempo", ricorda Sevilla.

 

I due corridori della Polartec-Kometa torneranno in Nazionale questo fine settimana per partecipare al ZLM Giro di Olanda. La provincia di Zeeland ospita la quarta tappa della Coppa Nazionale UCI, una gara caratterizzata da un percorso di 178 chilometri molto esposto al vento, percorsi che collegano isole e penisole e attraversano territori conquistati dal mare.

 

 

 

 

@IBdailyblog



11/04/2018
0 Poster un commentaire

A découvrir aussi


Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour

Rejoignez les 32 autres membres