www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

Ivan a Rouleur Classic, tra passato, presente e futuro

Rouleur Classic 2018.jpg

 

A Londra novembre rima con Rouleur Classic. Un evento organizzato dalla rivista Rouleur (1 al 3 novembre), che permette agli appassionati delle due ruote di scoprire le ultime innovazioni e di incontrare campioni di ieri e di oggi.

 

Tra i grandi nomi presenti questo venerdì, Ivan. Il manager della Polartec-Kometa è venuto sullo stand di Koo, fabbricante di occhiali e sponsor della squadra. Poi ha risposto alle domande di Ned Boulting. L’occasione di tornare sulla prima stagione della Polartec-Kometa, formazione creata con il suo amico ed ex compagno Alberto Contador : "Per noi è stato un anno fantastico, con molte vittorie. Ma oltre le dieci vittorie ottenute, quello che è incredibile è la mentalità del gruppo. Lo scorso inverno abbiamo cercato di trasmettere questa mentalità ai corridori. Ma non è sempre facile chiedere ai giovani di 19-20 anni la stessa mentalità di un corridore più vecchio. Perché quando hai 20 anni vuoi prima di tutto vincere e non aiutare gli altri. Ma con Alberto passiamo molto tempo con loro in ritiro e anche sulle corse. Quindi la più grande vittoria è che in tutte le gare abbiamo avuto questo spirito di squadra. E siamo anche felici perché abbiamo un corridore, il velocista Matteo Moschetti, che ha firmato per la squadra WorldTour Trek-Segafredo". 

 

Vincitore di due Giri d’Italia (2006 e 2010), Ivan ha conosciuto anche il podio del Tour de France (3° nel 2004 e 2° nel 2005). Nella Polartec-Kometa si trova forse il suo erede. Ma per ora, il futuro rosa o giallo, Ivan lo vede per un giovane corridore della Sky, il suo compatriota Gianni Moscon : "Non è facile sapere chi potrà o no vincere un grande giro. Si può però vedere il talento, la mentalità e in questo momento in Italia abbiamo Gianni Moscon, che, a mio avviso, può un giorno vincere il Tour, il Giro o la Vuelta. Per me, quando Nibali si sarà ritirato, Moscon prenderà il suo posto. Ha un forte carattere ma è giovane e col tempo migliorerà non solo sportivamente, ma anche umanamente. Vincenzo lui ha davvero qualcosa in più, non è un semplice campione, sa vincere su tutti i terreni e può ancora fare grandi cose". 

 

Ivan, un uomo che vive il presente e che guarda al futuro ma che ha anche sempre un dolce pensiero per il passato : "Il mio Giro 2010 è stata una vittoria speciale perché avevo vinto nel 2006, poi sono stato sospeso e sono riuscito a rialzarmi. Durante questo difficile periodo senza gareggiare ho imparato molto, non solo da ciclista, ma anche da uomo. E ora mi servo molto di quest’esperienza con la mia squadra". 

 

 

 

 

@IBdailyblog



03/11/2018
0 Poster un commentaire

A découvrir aussi


Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour

Rejoignez les 32 autres membres