www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

Ivan Basso : "La salute è la cosa più importante"

gobik_wear_20200401_022415_0.jpg
 
Testo di Joan Seguidor, blog di Gobik
 
Un mese fa, solo un mese fa, è iniziato. Oggi la realtà è travolgente, Ivan Basso ricorda come è nato il primo caso e cosa è successo dopo. "In Italia abbiamo avuto i primi problemi tra il 21 e il 22 febbraio. C'è stata un'infezione da coronavirus, è nata qualche preoccupazione, ma è passata il giorno dopo. Non era ancora il grande spavento", inizia a spiegarci. E da lì una storia che tutti conosciamo, una storia di angoscia e cifre che hanno preso forma negli ospedali crollati in tutta la Lombardia e in particolare nella regione di Bergamo, la bellissima e storica città che tante volte abbiamo ammirato nella "classica delle foglie morte."
 
Ivan Basso trascorre questi giorni nella sua casa di Varese, a trenta chilometri da Milano. È un lombardo, la sua regione è la più colpita da questa sventura chiamata coronavirus.  %uFFFC"È una situazione complessa - ammette - molto complicata, dobbiamo tornare 46 anni fa, dopo la seconda guerra mondiale, per ricordare tanta sfortuna. Gli infetti non smettono di crescere e gli ospedali sono sovraccarichi da giorni". 
 
Lui e la sua famiglia sono chiusi in casa da tre settimane. "Usciamo uno ad uno, solo per la farmacia e il supermercato, nient'altro", dice. "Non so, è una prova, una situazione che ci mette in difficoltà. Ci fa apprezzare ciò che abbiamo, che non è poco, e amare il nostro personale sanitario che è in prima linea. È una prova per il paese". E non è semplice "perché tutti noi possiamo diffonderla, è una malattia spesso asintomatica. Ecco perché è così importante rimanere a casa, essere confinati e rispettare le regole delle autorità". 
 
Ivan passa questi giorni, come lo abbiamo detto, a casa con la famiglia, la moglie e i quattro figli. In quella casa ci sono tutti i tipi di realtà, dall'adolescente di 17 anni al bimbo di cinque anni: "Ognuno con i suoi problemi e le sue preoccupazioni, ma andiamo d'accordo. Tutti sono consapevoli di quanto sia eccezionale il momento". Un'eccezionalità che lascerà il posto a un nuovo paesaggio, una normalità 2.0: "Questo è un cambiamento nelle abitudini, nelle priorità e nell'economia. Da qui ci saranno negozi che non saranno in grado di riaprire, altri sì. Anche il virus sarà economico, ma una cosa è chiara: dovremo aiutare di più il nostro sistema sanitario ”.
 
 
"Le mie giornate sono interamente trascorse a casa. Cerco di fare un'ora o un'ora e mezza di rulli al giorno e mi diverto con i miei figli. Inoltre, abbiamo la squadra con Alberto e Fran (Contador) con ventidue persone e le loro famiglie. Per noi le persone vengono prima di tutto, prima dello sport, e noi dobbiamo rispondere per loro". %uFFFC
 
"Il nostro messaggio è un messaggio di difficoltà, di una regione che sta attraversando un periodo molto difficile, che sta lottando per risolvere un problema molto importante. Vogliamo trasferire la nostra esperienza in questo momento, perché crediamo che possano essere molto utili ad altre persone", ha detto Ivan.
 
È strano, qualche tempo fa Ivan ha visto il documentario di Bill Gates sull'incidenza di un virus nell'economia e nella nostra vita: "È una grande lezione, la salute è la cosa più importante e dobbiamo essere felici perché la famiglia sta bene. Tutto cambierà molto, tra l'altro, il rapporto tra i paesi. In Italia non potremo mai dimenticare quelli che ci stanno aiutando in questo momento", ha detto, riferendosi, tra l'altro, ai medici cubani venuti nel paese transalpino poco fa. Ed è una situazione condivisa perché "qui si parla molto della Spagna, siamo molto preoccupati per voi".
 
Ma lasciamo correre la nostra immaginazione e andiamo in quei luoghi che sono santuari del ciclismo e che sono in Lombardia: i laghi di Como e Maggiore, il passo del Ghisallo e un luogo molto speciale per Ivan Basso, il "Campo dei Fiori di Varese", il luogo più speciale per l'ambasciatore mondiale del Gobik. %uFFFC
 
E non dimenticare, quando questa tragedia passerà, il Duomo di Milano, la moda, la Città Alta di Bergamo... ci aspettano.
 
 
 
 
@IBdailyblog


01/04/2020
0 Poster un commentaire

A découvrir aussi


Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour

Rejoignez les 33 autres membres