www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

Ivan Basso vuole sempre vincere

GobikAmbasciatore2020.jpg

 

Sito ufficiale Gobik

 

 

Varese, circondata tre laghi, come Maggiore e Varese, è una terra verde, una terra di ciclismo. Vicino a tutto, lontano da nulla, tra la Svizzera e Italia, Milano in vista, le Alpi. Ivan Basso è nato e cresciuto lì: "Il ciclismo ha sempre fatto parte della mia vita". Gli hanno parlato fin dall'inizio di Alfredo Binda, il primo grande del XIX secolo, ha conosciuto Claudio Chiapucci, è cresciuto con lui, le sue imprese, in Francia, in Italia.

 

Da bambino suo padre lo portò al Vigorelli, il mitico velodromo milanese. Quel giorno Francesco Moser era sulla pista perché correva contro il record dell'ora. "Quel giorno capii che il ciclismo sarebbe la mia vita. Ho assistito a quell'impresa in prima persona, ricordo tutto come se fosse ieri, ma soprattutto il rumore delle ruote". Un rumore ciclico, ritmico, ipnotico. Un ronzio sostenuto dall'effimero del momento, una specie di battito assordante che gli è rimasto impresso nella memoria, come quel pomeriggio nell'arena di Verona, in mezzo alla folla che proclamava Francesco vincitore del Giro d’Italia.

 

Quel finale ebbe luogo nel 1984, un'edizione segnata dall'aspra rivalità con Laurent Fignon, una rivalità che alimentò leggende, storie e ogni sorta di sospetti. Ivan era lì. "È stato come andare alla finale della Champions League". Francesco Moser è nell’albo d’oro del Giro, come Ivan Basso, doppio vincitore. 26 anni dopo il successo del gigante di Giovo, il varesino ha vissuto il suo miglior momento di sempre: superare in rosa l'arco di accesso all'Arena di Verona, attraversare la passerella e festeggiare con i suoi due figli il secondo Giro d’Italia.

 

UNA LEGGENDA DEL CICLISMO ITALIANO

 

Ivan Basso, due Giri, miglior giovane del Tour, decine di vittorie... è una leggenda in Italia: "Amiamo le icone, i ricordi che si perpetuano nel tempo. Oggi corridori come Pantani e Coppi sono più vivi che mai. Gli sportivi sono sacri e la gente ama chi porta alto il nome dell’Italia". Un gene da campione che non ti lascia mai, ti accompagna sempre. "Se il ciclismo mi ha insegnato una cosa, è di essere ambizioso, di voler sempre vincere. È strano ma la pressione - continua - che mi ha sempre accompagnato nella competizione, mi manca, anche se sembra paradossale. La mia vita è cambiata quando ho vinto la Coppa del Mondo - Valkneburg 1998 - e da allora sono stati tutti attenti a ciò che ero o non ero in grado di fare”.

 

Oggi Ivan Basso lavora al fianco di Alberto Contador con il progetto della Kometa-Xstra Cycling Team, un modo per "restituire al ciclismo quello che ci ha dato". E cosa ha dato il ciclismo a Ivan Basso? "Sono la persona che sono grazie al ciclismo, approfitto di quello che mi ha dato ogni giorno, cercando sempre di vincere, dando sempre il massimo".

 

L'AMBASCIATORE MONDIALE DI GOBIK

 

Questo anticonformismo lo prolunga con Gobik. Ivan è il nuovo ambasciatore mondiale del marchio, insieme ad Alberto Contador e Julien Absalon. "Conosco Gobik grazie ad Alberto. Mi ha parlato dei suoi vestiti e mi ha presentato alle persone dell’azienda, la sintonia è venuta subito. È quello che cerco, un marchio vincente" dice Ivan Basso che aggiunge che "vogliono essere conosciuti in Italia e io ci sarò, perché la scommessa vale la pena, è come dico da vincitore, senza margine di errore. Conosco i proprietari e sono i primi a rimboccarsi le maniche, a stare qui, lì, a tutti gli eventi".

 

E conclude: "Essere ambasciatore di Gobik è un grande onore, sicuramente avevano altre opzioni, ma mi hanno scelto, è come se mi avessero dato la chiave della loro casa in un mercato importante come quello italiano". Un mercato non facile, ma "non lo è nemmeno vincere il Giro d'Italia. Partiamo senza paura, con molte idee e rispettando i nostri avversari".

 

Inizia un nuovo ciclo, una fase in cui ritorna quella pressione che gli manca tanto, quella benzina di cui ha bisogno e che "deve essere gestita con naturalezza" perché sente di essere nella squadra vincente.

 

 

 

 

@IBdailyblog



10/03/2020
0 Poster un commentaire

A découvrir aussi


Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour

Rejoignez les 33 autres membres