www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

Nuova corsa in terra francese per la Polartec-Kometa : il Tour de l'Ain

Tour de l'Ain.jpg

 

La Polartec-Kometa Continentale torna in Francia per una nuova gara a tappe sul suolo francese. Miguel Ángel Ballesteros, Isaac Cantón, l'eritreo Awet Habtom, l'olandese Kevin Inkelaar, il lussemburghese Michel Ries e il colombiano Wilson Estiben Peña rappresenteranno squadra di Madrid nel sempre intenso Tour de l’Ain, competizione che celebra la sua trentesima edizione e che riunisce squadre della categoria WorldTour, sia professionistiche che continentali. Fino a sedici formazioni prenderanno il via.

 

La gara francese presenta un percorso tortuoso, in cui a priori il primo giorno, con un finale a Montrevel-en-Bresse, viene presentato come il più facile. Sabato, sulla strada per Arbent, una strada di montagna con sette salite per il Gran Premio della Montagna, e molti altre salite che non contano per il GPM. Un giorno di dislivelli accumulati, in poco tempo. E per finire, domenica, un arrivo impegnativo a La Faucille, una salita di 10 km al 6,5% che sicuramente deciderà del vincitore della corsa.

 

Nel dipartimento di L'Ain, dove nel 2017 ha vinto Thibaut Pinot, ci saranno le migliori formazioni francesi. Lilian Calmejane, David Gaudu, Toni Gallopin o Nicolas Edet, forse Rein Taraamae, corrono come favoriti per un generale in cui Michel Ries o Kevin Inkelaar cercheranno di fare un passo avanti dopo la loro buona prestazione nella Vuelta a Aragón.

 

"Il Tour de l'Ain è in linea con i test che abbiamo fatto con la presenza di squadre WorldTour e Continental Professional . Si tratta di gare per imparare per i nostri ciclisti, eventi in cui possono correre sul serio e con grandi squadre accanto. Stiamo cercando di andare più in profondità, sulla linea che abbiamo preso a Valencia, Aragona, Haut Var... Ogni volta che c'è una squadra WorldTour, dobbiamo imparare a correre con loro e anche avere una presenza in corsa. Per noi è molto importante che i ragazzi, anche se molto giovani, possano essere al fianco di grandi squadre e corridori, e cercare di correre senza complessi e di essere protagonisti della gara. Questa è l'idea, per avere una presenza in gara. Forse non si può lottare per una vittoria, dato il livello, ma se ci sono grande fughe, che possono anche raggiungere il traguardo, dobbiamo lottare per entrare in queste fughe", dice il direttore sportivo Jesús Hernández.

 

 

Le tre tappe :

 

- Venerdì 18 maggio :  Saint-Vulbas / Montrevel-en-Bresse (159,1 km)
- Sabato 19 maggio : Saint-Trivier-de-Courtes / Arbent (153,4 km)
- Domenica 20 maggio : Léle Monts-Jura / Col de La Faucille (133,4 km)

 

 

 

 

@IBdailyblog



16/05/2018
0 Poster un commentaire

A découvrir aussi


Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour

Rejoignez les 32 autres membres