www.ivanbassodailyblog.com

Ivan Basso Daily Blog

Presentazioni Giro dell'Emilia, Coppa Bernocchi, Tre Valli Varesine, Milano-Torino, Gran Piemonte

GiroEmilia2021.jpg
 
 
Sito ufficiale Eolo-Kometa Cycling Team
 
 
Il ciclismo è uno sport con profonde radici storiche che, in molti casi, risalgono ai primi anni del XX secolo o addirittura alla fine del secolo precedente. Molti dei suoi grandi eventi si sono tenuti più di cento volte o, a causa dell’influenza dell’evoluzione storica di un secolo con due guerre mondiali e una moltitudine di altri eventi alle spalle, almeno cento anni dalla sua creazione. Il ciclo competitivo che l’Eolo-Kometa Cycling Team affronta in questo tratto finale della sua prima stagione come struttura ProTeam è caratterizzato dal fatto che tutte le gare sono già centenarie. Cinque gare di un giorno di grande tradizione nel panorama italiano e continentale saranno il preludio al debutto della squadra azzurra nel primo Monumento della sua storia. Un tour italiano tra i centenari con un blocco di tredici corridori.
 
Il Giro dell’Emilia, giunto alla 104esima edizione, sarà la prima delle gare di questo intenso ciclo di competizioni. L’evento emiliano-romagnolo presenta un percorso molto duro, con più di 3.300 metri di dislivello accumulato sui suoi 195 km. Il terreno fino al Passo Brasa (8,3 km al 7%, pendenze del 10%) e Monte Luminasio – Medelana (7,3 km al 9%, pendenze del 18%) renderà più dura la prima parte di gara, quando la corsa entrerà nelle colline Bolognesi prima di un frenetico circuito finale di 9 chilometri in cui i corridori dovranno affrontare la salita al Santuario di San Luca (2,1 km al 10%, pendenze del 18%) in ben cinque occasioni, l’ultima delle quali è il traguardo. L’ungherese Erik Fetter, gli spagnoli Vicente Hernaiz e Diego Pablo Sevilla e gli italiani Davide Bais, Francesco Gavazzi e Luca Wackermann compongono il sestetto con cui la struttura professionale della Fondazione Contador prenderà parte.
 
 
CoppaBernocchi2021.jpg


 
La mancata organizzazione del Gran Premio Buno Beghelli a Monteveglio per il secondo anno consecutivo, sebbene inizialmente previsto per domenica 3 ottobre, ha lasciato un giorno libero prima del prossimo impegno: la Coppa Bernocchi. La gara di Legnano, che costituiva il cosiddetto Trittico Lombardo insieme alla Tre Valli Varesine e alla Coppa Agostoni, arriva con il suo classico passaggio in Valle Olona e la salita del famoso Piccolo Stelvio, popolarmente conosciuto come il colosso alpino grazie ai cinque tornanti che la sua salita presenta. Non è una salita lunga, poco più di 1,5 chilometri, ma ha una pendenza del 7,1% con rampe del 16%, una zona conosciuta come Caramamma, e dovrà essere affrontata fino a sei volte. Un altro circuito urbano nella città di Legnano, più breve (6 km) ma anche difficile, farà la selezione finale. Vincenzo Albanese, Davide Bais, Mattia Frapporti, Francesco Gavazzi, Edward Ravasi, Samuele Rivi e Luca Wackermann saranno i sette corridori che prenderanno parte alla gara lombarda.
 
 
TreValliVaresine2021.jpg


 
Il giorno seguente, Vincenzo Albanese, Mark Christian, Erik Fetter, Francesco Gavazzi, Lorenzo Fortunato, Edward Ravasi e Luca Wackermann affrontano un’edizione molto festosa della Tre Valli Varesine. L’evento organizzato dalla Società Ciclista Alfredo Binda festeggia la sua centesima edizione in un contesto speciale, con una gran fondo parallela che è una vera celebrazione del ciclismo e il lancio di una corsa femminile. Si tratta di una gara in territorio varesino e per l’Eolo-Kometa Cycling Team solo questo è un aspetto molto importante. Il percorso 2021 propone un percorso di quasi 200 chilometri che partirà da Busto Arsizio e avrà un circuito finale nel capoluogo di provincia con le colline del Montello e la salita a Piazza della Libertà da Via Vigevano come punti a cui prestare la massima attenzione.
 
 
MilanoTorino2021.jpg


 
Senza tregua, mercoledì 6, è la volta di una nuova edizione della Milano-Torino, la più antica di tutte le corse in termini di prima edizione, risalente nientemeno che al 1876. La corsa che unisce Lombardia e Piemonte si concluderà ancora una volta nel santuario di Superga, vicino a Torino, dopo l’arrivo a Stupinigi di un anno fa, più adatto all’ottimizzazione del calendario che i maggiori organizzatori hanno impostato insieme all’UCI per salvare al meglio un anno segnato dalla COVID-19. È stata l’unica volta che la Milano-Torino ha variato un arrivo a Superga che si è consolidato dal ritorno della gara nel calendario per il 2012. La Milano-Torino è una gara che ha avuto i suoi alti e bassi organizzativi e tra il 2008 e il 2011 non ha preso la strada. A quel punto, il passaggio attraverso Superga era già diventato un momento chiave della gara, anche se il traguardo si trovava nelle strade di Torino. Dal 2012, tuttavia, il doppio passaggio attraverso Superga e l’arrivo vicino alla basilica costruita da Casa Savoia dove molti dei suoi membri reali sono posati per riposare. Cinque chilometri molto costanti a una media superiore al 9% segnano questa salita. Davide Bais, Mark Christian, Erik Fetter, Lorenzo Fortunato, Edward Ravasi, Diego Pablo Sevilla e Luca Wackermann gareggeranno per la nostra struttura ProTeam.
 
 
GranPiemonte2021.jpg
 
Il Gran Piemonte, giovedì 7, sarà l’ultima gara dell’Eolo-Kometa Cycling Team prima del suo debutto in uno dei cinque Monumenti del ciclismo. Una corsa con un profilo molto favorevole che invita a pensare nell’eterna battaglia tra gli avventurieri che cercheranno la fuga e le squadre che vorranno affrettare le loro opzioni in uno sprint di massa. Nel Gran Piemonte, lo spagnolo David Martín Romero, uno dei corridori che si è distinto in questa stagione nella struttura U23 della Fondazione Contador e che non ha potuto debuttare nel Tour Getxo come inizialmente previsto a causa della COVID-19, farà il suo debutto come stagista. Martin ha ottenuto quattro vittorie in questa stagione, due di loro nella Coppa di Spagna Elite e U23, e altri cinque all’interno di una top-3. Vincenzo Albanese, Mattia Frapporti, Francesco Gavazzi, Samuele Rivi e Diego Pablo Sevilla sono anche parte di una squadra completata, in quella che dovrebbe essere la sua ultima gara da professionista, da Manuel Belletti. Un grande applauso per questo grande professionista che appende la bicicletta al chiodo dopo quattordici anni di attività.
 
 
 
 
@IBdailyblog


30/09/2021
0 Poster un commentaire

A découvrir aussi


Inscrivez-vous au blog

Soyez prévenu par email des prochaines mises à jour

Rejoignez les 36 autres membres